Pensionati: entro il 31 ottobre vanno comunicati i redditi da lavoro autonomo

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateIl Messaggio INPS chiarisce i termini e gli interessati

Sulla base del divieto di cumulo dei redditi di lavoro autonomo con la pensione prevista dal comma 4 dell’articolo 10, Decreto Legislativo n. 503/1992, i titolari di pensione sono tenuti a produrre all’ente erogatore della medesima una dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo che faccia riferimento all’anno precedente, entro lo stesso termine previsto per la dichiarazione ai fini dell’IRPEF per lo stesso anno. Sulla base di tale disposizione, i titolari di pensione con decorrenza compresa entro l’anno 2016, i quali siano soggetti al divieto di cumulo parziale della pensione con i redditi di lavoro autonomo, dovranno dichiarare entro il termine del 31 ottobre 2017, data di scadenza della dichiarazione dei redditi per l’anno 2016, ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 luglio 2017, i redditi da lavoro autonomo conseguiti nell’anno 2016. Proprio per tale ragione, l’INPS è dovuto intervenire con il Messaggio n. 4189 del 25 ottobre 2017, fornendo chiarimenti per quanto concerne l’individuazione dei pensionati che sono tenuti a comunicare i redditi da lavoro autonomo conseguiti nell’anno 2016.

I redditi soggetti alla dichiarazione Modello RED e le modalità di invio

I redditi da dichiarare saranno tutti quelli da lavoro autonomo al netto dei contributi previdenziali e assistenziali e al lordo delle ritenute erariali; anche il reddito di impresa dovrà essere dichiarato al netto delle eventuali perdite deducibili imputabili all’anno di riferimento del reddito stesso.

Così tutti i pensionati che non si trovano nelle condizioni segnalate nel prosieguo, devono effettuare la comunicazione dei redditi da lavoro autonomo entro il 31 ottobre 2017, se conseguiti nell’anno 2016; la dichiarazione potrà essere presentata:

  1. tramite CAF e soggetti abilitati ai sensi del D.Lgs. n. 241/1997;

  2. tramite il sito www.inps.it, con l’accesso con PIN dispositivo, accedendo ai servizi online del sito e selezionando la voce “Dichiarazione Reddituale – RED semplificato”, per la dichiarazione RED. Nel successivo pannello occorrerà poi scegliere la campagna di riferimento, che è quella 2017, facente riferimento alla dichiarazione dei redditi per l’anno 2016.

I soggetti esclusi dall’obbligo di dichiarazione

Rimane fermo il fatto che come segnalato anche dall’Istituto Previdenziale, è necessario tenere conto di svariate eccezioni all’obbligo di comunicazione, per cui sono soggetti esclusi dall’obbligo di dichiarazione:

  • i titolari di pensione ed assegno di invalidità con decorrenza entro il 31 dicembre del 1994:

  • i titolari di pensione di vecchiaia con decorrenza successiva al primo gennaio 2001 (le quali sono interamente cumulabili con redditi da lavoro autonomo indipendentemente dall’anzianità contributiva utilizzata per il riconoscimento e la liquidazione della prestazione, ex articolo 72 della L. n. 388/2000);

  • i titolari di pensione di vecchiaia liquidate nel sistema contributivo (sulla base del fatto che dal 1° gennaio 2009 tale tipologie di pensione è totalmente cumulabile con i redditi da lavoro ex art. 19 del D.L. n. 112/2008, convertito in L. n. 133/2008);

  • i titolari di pensione di anzianità ovvero di trattamento di prepensionamento a carico dell’AGO e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima (ciò in quanto dal primo gennaio 2009 tali prestazioni sono totalmente cumulabili; per approfondire, Circolare INPS n. 108/2008);

  • i titolari di pensione ovvero assegno di invalidità a carico dell’AGO ovvero delle forme di previdenza esonerative, esclusive, sostitutive della medesima, delle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi, che abbiano un’anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni (Cfr. Circolare INPS n. 20/2001); l’INPS ha precisato che ai fini dei 40 anni viene considerata utile anche la contribuzione relativa a periodi successivi alla decorrenza della…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it