La notifica solo tentata (e non perfezionata per trasferimento) è inesistente

di Davide Di Giacomo

Pubblicato il 26 ottobre 2017

un interessante caso di contenzioso sulle notifiche: la notifica solo tentata presso il domicilio del difensore e non perfezionata per trasferimento di quest’ultimo è inesistente

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateLa notifica solo tentata presso il domicilio del difensore e non perfezionata per trasferimento di quest’ultimo è inesistente.

La notifica dell’atto presso il domicilio eletto del difensore, risultato trasferito, senza aver posto in essere altri procedimenti notificatori, deve ritenersi meramente tentata e pertanto non compiuta ossia omessa (Cass. n. 18252/2017).

La notifica degli atti tributari è disciplinata dagli artt. 137 e ss. C.p.c. e 60 Dpr n. 600/1973, a cui si richiama l’art. 16, c. 2, del D.lgs n. 546/1992 ed è eseguita a mezzo dell'ufficiale giudiziario nonché di messo comunale; può essere eseguita brevi manu (se non eseguita a mani proprie la notificazione deve essere fatta nel domicilio fiscale del destinatario), o attraverso il servizio postale. In quest’ultimo caso le parti possono effettuare le notifiche con spedizione dell'atto in plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento.

Premesso che l