Reddito di impresa non dichiarato ma presenza modello CUD: dichiarazione omessa o dichiarazione infedele?

La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 23821 dell’11.10.2017, ha chiarito un aspetto molto controverso, evidenziando la non sempre chiara distinzione tra infedele dichiarazione ed omessa dichiarazione.
Nel caso di specie l’Agenzia delle Entrate aveva proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della CTR della Lombardia, con la quale era stato respinto l’appello principale dell’Ufficio, e quello incidentale del contribuente, nell’ambito di una controversia concernente tre avvisi di accertamento per recupero Iva, Irpef ed Irap, oltre sanzioni e interessi, relativamente agli anni d’imposta 2000, 2001 e 2002, emessi nei confronti del predetto contribuente, al quale era stata contestata l’omessa dichiarazione di redditi d’impresa, a fronte dell’emissione di fatture per prestazioni inesistenti nei confronti di società di cui rivestiva cariche sociali, con trattenimento, a titolo di compenso, dell’importo corrispondente all’Iva esposta nei predetti documenti.
Il giudice di merito, ritenute legittime le riprese a tassazione contenute negli atti di accertamento, aveva tuttavia affermato, in ordine alla questione relativa alla legittimità dell’applicazione delle sanzioni ex D.Lgs. n. 471 del 1997, che il contribuente, in quanto dipendente di una società, aveva provveduto “alla regolare presentazione del C.U.D., omettendo peraltro l’indicazione dei cespiti emersi dal successivo accertamento”, per cui ricorreva però soltanto la fattispecie della infedele dichiarazione annuale, come già ritenuto dal giudice di primo grado, e non quella più grave della omessa presentazione della dichiarazione.
L’Amministrazione finanziaria deduceva quindi che la Commissione Tributaria Regionale aveva erroneamente ritenuto infedele la dichiarazione fiscale del contribuente, dipendente di una società, consistita nella mera presentazione del CUD, laddove il D.P.R. n. 600 del 1973 impone invece l’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi (unica a partire dal 1998) in capo a tutti i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili.
L’Agenzia ricorrente formulava quindi il seguente quesito “Dica l’Eccellentissima Corte di Cassazione se violi gli artt. 1 e 13 del D.P.R. n. 600 del 1973 (nella parte in cui impongono l’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi in capo ai soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili), nonché gli artt. 1, 5 e 6 del D.lgs. n. 471 del 1997 e l’art. 32 del D.lgs. n. 446 del 1997 (nella parte in cui dispongono sanzioni per la mancata dichiarazione dei redditi assoggettabili ad Irpef, Iva ed Irap) la sentenza di merito la quale (come la Commissione Tributaria Regionale di Milano nella specie), ha ritenuto che, con riferimento ad un contribuente, per il quale è stata accertata l’evasione di imposte dovute in relazione a redditi d’impresa non dichiarati, ma per il quale – essendo al contempo dipendente di una società commerciale – era stato presentato un C.U.D. dal proprio datore di lavoro, non fossero dovute le sanzioni conseguenti ad ‘omessa dichiarazione’ di quei redditi, quanto piuttosto quelle relative ad ‘infedele dichiarazione’, e quindi se il suddetto contribuente – accertato evasore fiscale di imposte (Irpef, Iva ed Irap) per redditi d’impresa non dichiarati – fosse tenuto a presentare la propria dichiarazione in relazione a quei redditi, ancorché – essendo nel contempo dipendente di una società commerciale – il proprio datore di lavoro avesse presentato il suo C.U.D., e se pertanto sia legittima la irrogazione delle sanzioni di legge per ‘omessa dichiarazione’ di quei redditi”.
Al di là della macchinosità del quesito, secondo i giudici di legittimità il motivo d’impugnazione era fondato, in quanto l’omessa dichiarazione può essere commessa solo da chi è obbligato alla presentazione, e per individuare il soggetto obbligato è necessario fare riferimento sia all’art. 1, D.P.R. n. 600 del 1973, per il quale sono obbligati alla …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it