Reddito dei professionisti: principio di cassa e assegni di fine anno

Il caso degli assegni di fine anno
Ai fini della corretta imputazione dei redditi da lavoro autonomo, il fatto che la dazione dell’assegno bancario sia “salvo buon fine” non impedisce di commisurare alla data della percezione del titolo la disponibilità della somma, laddove non sia in contestazione l’esistenza della provvista sufficiente al regolare pagamento del titolo.
In riferimento all’imputazione temporale di un compenso ricevuto pacificamente nel 2004 e versato sul conto corrente nello stesso anno 2004 non rileva il momento della effettiva disponibilità della somma ma il momento della percezione del titolo credito. La statuizione della CTR, con la quale si è riconosciuta la perfetta buona fede del professionista, che ha regolarmente fatturato il compenso e corrisposto le imposte dovute, è contraddetta dalla violazione da parte del contribuente del principio di cassa rispetto al disposto dell’art. 6 del D.P.R. 633/1972, circa la fatturazione, in relazione al quale non è configurabile alcun margine di incertezza normativa. Nessuna clemenza, dunque, anche perché in capo a chi sia incorso nella violazione contestata grava anche la presunzione di colpa. Spetta al contribuente l’onere di provare di aver agito in buona fede: onere che, alla stregua delle sopra esposte considerazioni, non può ritenersi adempiuto dal contribuente. Va esclusa la buona fede del professionista che nel versare le imposte non rispetta il principio di cassa rispetto ai compensi. È legittimo sanzionare il professionista che ha fatturato in ritardo i compensi percepiti, perché la legge al riguardo è chiara. Tale principio è stato statuito dalla Corte di Cassazione ,con l’ordinanza del 21 giugno 2017 n. 15439.in accoglimento del ricorso dell’Agenzia delle Entrate.
Vicenda
La Direzione Provinciale di Ragusa ha recuperato a tassazione nei confronti di un professionista compensi percepiti alla fine di un periodo d’imposta ma fatturati l’anno successivo. Il provvedimento è stato impugnato eccependo che le somme erano state incassate con assegno: pertanto, l’effettiva disponibilità si era verificata solo a gennaio, coincidente con la data della fatturazione. Invocando la buona fede il contribuente ha chiesto la disapplicazione delle sanzioni. La CTP ha accolto le ragioni del professionista. La CTR, pur confermando la legittimità della pretesa impositiva, ha ritenuto che erano dovute le sanzioni, poiché l’errore palesava la buona fede. La Commissione tributaria ha riconosciuto la “perfetta buona fede” di un professionista che avrebbe regolarmente fatturato il proprio compenso e corrisposto le imposte dovute. La Ctr ha ritenuto legittima la ripresa a tassazione per l’anno 2004 con riguardo a compensi percepiti dal professionista il 30 dicembre 2004, ma fatturati l’anno seguente; tuttavia, ha ritenuto di non dover applicare le sanzioni in quanto il professionista, per l’appunto in “perfetta buona fede”, aveva regolarmente fatturato il compenso e corrisposto il dovuto.
Pronuncia
I giudici di legittimità hanno precisato le modalità di rilevazione dei compensi con il sistema di cassa, sulla base del seguente ragionamento logico-giuridico. Dai documenti prodotti in giudizio, emergeva che l’assegno era stato ricevuto e versato sul conto corrente alla fine del periodo di imposta.
Per l’imputazione del compenso ciò che rileva è la data di percezione del titolo, a prescindere da quando sia diventato concretamente disponibile. La data della disponibilità era irrilevante anche se l’assegno bancario è “salvo buon fine”, poiché non era in discussione l’esistenza della provvista. Ne conseguiva che il riferimento per l’imputazione al periodo d’imposta doveva avere riguardo alla data di percezione, ossia dicembre, e non a quella di disponibilità, (gennaio). In tema di sanzioni, il professionista aveva violato il principio di cassa, senza che la norma presentasse margini di incertezza. Si trattava, pertanto, di una presunzione di colpa, …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it