Termine lungo per l’impugnazione e inadempimento da parte della cancelleria degli obblighi di comunicazione del dispositivo

di Ignazio Buscema

Pubblicato il 19 maggio 2017

se nessuna delle parti provvede alla notificazione della sentenza si applica il codice di procedura civile che prevede il termine lungo dalla pubblicazione della sentenza stessa - alcuni utili suggerimenti in caso di mancate comunicazioni dalla segreteria della Commissione tributaria

Processo_TributarioL’art. 38, c. 3, D.Lgs. n. 546/199232 prescrive che se nessuna delle parti provvede alla notificazione della sentenza si applica l’art. 337, c. 1, c.p.c. (c.d. termine lungo dalla pubblicazione della sentenza stessa)

La comunicazione del dispositivo è un atto esterno rispetto alla sentenza e non influisce sulla sua esistenza, mentre la pubblicazione è un atto senza il quale la sentenza non viene a esistenza; ne deriva che, mentre la mancata pubblicazione è un fattore d’inesistenza della sentenza, la mancata comunicazione de qua, pur doverosa alle parti costituite, assurge a situazione patologica del processo, che non impedisce il raggiungimento del risultato del giudicato, al quale il processo è preordinato, e non assurge a condizione necessaria per far scattare il requisito di non conoscenza di cui all’art. 38, c. 3, D.Lgs. n. 546/1992.1

D’altra parte, tale scelta ermeneutica ribadisce, fermo restando che non esiste un principio di necessaria uniformità di regole tra le diverse specie di processo,