Responsabilità ed individuazione dell’amministratore di fatto

di Giovambattista Palumbo

Pubblicato il 13 marzo 2017

l'amministratore di fatto è quel soggetto che svolge le mansioni di amministratore di una società pur non essendolo ufficialmente: come si individua, e quali problematiche genera la figura dell'amministratore di fatto?

giudice2-immagineLa Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16184 del 3.8.2016, ha stabilito interessanti considerazioni in tema di presupposti di individuazione dell’amministratore di fatto di una società e conseguenti responsabilità.

Il Caso

Nel caso di specie l'Agenzia delle entrate ricorreva davanti alla Suprema Corte per la cassazione della sentenza della CTR della Campania, che, confermando la decisione di primo grado, aveva rigettato l'appello dell'Amministrazione Finanziaria in relazione all’impugnazione di un avviso di accertamento notificato al contribuente quale amministratore di fatto di una società cooperativa.

In particolare la Commissione Tributaria Regionale, pur ammettendo che le dichiarazioni rilasciate da terzi in sede di verifica possono avere valore probatorio senza che ciò contrasti col divieto di prova testimoniale nel processo tributario, aveva ritenuto inidonea a provare la qualità di amministratore di fatto del contribuente l'unica dichiarazione resa dal legale rappresentante della società ai verbalizzanti, e dagli stessi considerata "mera ipotesi di veridicità", disancorata da precisi riscontri.

Con l'unico motivo del ricorso l'Agenzia delle entrate deduceva quindi insufficiente e illogica motivazione su un punto decisivo della controversia, costituito dalla mancata considerazione delle risultanze documentali e delle deduzioni dell'Ufficio dalle quali emergeva che la qualità di amministratore di fatto del contribuente derivava in realtà non solo dalla dichiarazione del legale rappresentante, ma anche dall'effettiva gestione diretta della società da parte del medesimo contribuente, desumibile da ulteriori e non esaminate dich