La notifica al contribuente irreperibile: aggiornamenti dalla Cassazione

di Ignazio Buscema

Pubblicato il 22 novembre 2016

In tema di notifiche tributarie l’irreperibilità assoluta del contribuente necessita di ricerca approfondita da parte del messo e dell’attestazione “sconosciuto all'indirizzo indicato“. La definizione di irreperibilità è fondamentale per valutare la corretta gestione della notifica

ct-facebook

In sede di notifica dell'accertamento, l'assenza del contribuente va adeguatamente documentata dal messo. Per l'irreperibilità assoluta, infatti, deve essere provato che dalle ricerche eseguite il soggetto risulti sconosciuto a quell'indirizzo. La procedura dell'affissione alla casa comunale, prevista dall'articolo 6o, lettera e, del Dpr 600/73, va effettuata solo quando il messo notificatore non reperisce il contribuente perché trasferito in luogo sconosciuto. A questo fine, è necessario che il messo esegua specifiche ricerche nel comune dove è situato il domicilio fiscale, per verificare che il trasferimento, non sia in realtà un mero cambio di indirizzo nello stesso comune. La notifica per "irreperibilità assoluta" può essere effettuata solo "in via residuale, previo espletamento delle opportune ricerche dell'inesistenza nel Comune ove la persona giuridica ha il domicilio fiscale, di una qualsiasi sede, ufficio o azienda della medesima”. Essa richiede la doverosa verifica che il mancato rinvenimento del destinatario dipenda "da una temporanea assenza dello stesso" (cd. "irreperibilità relativa"); essa non richiede "ai fini del raggiungimento della prova della notifica, la produzione in giudizio dell'avviso di ricevimento della raccomandata informativa, o quantomeno della spedizione della stessa .Nel caso specifico, dai documenti, non risultano tali ricerche e, in ogni caso, i fatti smentiscono queste circostanze; appena due mesi prima, presso lo stesso indirizzo della società era stato regolarmente ricevuto un invito al contraddittorio”. Tale assunto è stato statuito dalla Cass. civ. Sez. VI - 5, con ordinanza del 19-09-2016, n. 18352

Vicenda

Il giudice del gravame ha ritenuto effettuata regolarmente la notifica dell'avviso di accertamento, ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 60, c. 1, lett. e, (cd. "irreperibilità assoluta"), nonostante la relata di notifica del messo non conteneva le ricerche all'uopo effettuate e non conteneva alcuna indicazione circa il fatto che il destinatario della notifica era risultato "sconosciuto”.

Pronuncia

Gli Ermellini, con la pronuncia citata, in accoglimento delle doglianze del contribuente, hanno ribadito che costituisce ius receptum il principio per cui "la notificazione degli avvis