Testo Unico Accise: i poteri ispettivi dell’Amministrazione finanziaria nel settore delle accise e delle imposte di consumo


accise-1
accise-2accise-3

Queste slides fanno parte del materiale che verrà fornito ai partecipanti della Videoconferenza sulle Accise, in programma il 13 Ottobre 2016 dalle 15.30 alle 17.30: clicca qui per partecipare

***

 

Nel comparto delle accise, la fonte normativa a cui fare riferimento con riguardo ai poteri ispettivi dell’Amministrazione finanziaria è l’art. 18 del Testo Unico delle Accise (TUA), approvato con D.Lgs. 26 ottobre 1995, n. 504, che ha fortemente ridefinito. gli assetti potestativi di tutti gli organi preposti alla vigilanza nel comparto di riferimento (Amministrazione finanziaria e Guardia di Finanza), prevedendo incisive e penetranti funzioni ispettive.sul-filo-immagine

Le ragioni di tale cambio di rotta sono certo riconducibili all’accresciuto pericolo di frodi quale conseguenza, innanzitutto, della diminuzione dei controlli preventivi per assecondare l’esigenza di armonizzare la disciplina del particolare settore nei vari Stati membri1.

Ulteriore fattore di criticità nella diffusione dei sistemi evasivi è attribuibile alla libera circolazione delle merci tra i Paesi della Comunità e al sostanziale aumento della pericolosità delle organizzazioni criminali, che hanno avvertito le potenziali prospettive di guadagno nei traffici illeciti di merce ad elevata incidenza fiscale.

L’art. 18 TUA disciplina i poteri di competenza esclusiva dell’Amministrazione finanziaria (facendo con questa formula concreto riferimento agli Organi centrali o periferici dell’Agenzia delle Dogane ovvero dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, in relazione alle rispettive competenze conferite dalla legge2), nonché poteri condivisi dalla Guardia di Finanza e dall’ADM, laddove il comma 23 disciplina le potestà comuni attribuite sia ai militari del Corpo (componente militare) che ai funzionari dell’Amministrazione finanziaria (componente civile).

In particolare, i commi 14 e 1 bis5, dell’art. 18 del TUA attribuiscono competenze di carattere esclusivo all’Amministrazione finanziaria per la gestione del particolare comparto impositivo, prevedendo anche la possibilità per gli stessi di apporre meccanismi, bolli e suggelli agli apparecchi e ai meccanismi installati negli impianti destinati a deposito fiscale ovvero ai destinatari registrati. Il personale ADM ha facoltà, altresì, di ordinare, a spese della parte, l’attuazione delle opere e delle misure utili a tutelare gli interessi fiscali. Ancora, può istituire uffici finanziari di fabbrica presso i menzionati depositi.

Entrambi i commi 1 e 1-bis prevedono, nella parte conclusiva di ogni periodo, un ruolo di collaborazione prestato dai militari della Guardia di Finanza per la vigilanza negli impianti in cui sono presenti Uffici finanziari.

Con riguardo ai poteri cosiddetti condivisi, il citato comma 2 individua i destinatari della norma in coloro che, istituzionalmente, sono preposti all’effettuazione di controlli nello specifico comparto impositivo, ovverosia i militari della Guardia di Finanza e il personale ADM muniti della speciale tessera di riconoscimento prevista dall’articolo 31 della legge 7 gennaio 1929, n. 4.

Schematicamente, il TUA elenca i poteri di:

  • svolgere indagini per l’accertamento delle violazioni nel settore delle imposte di produzione e sui consumi;
  • accedere liberamente ed in qualsiasi momento nei luoghi in cui sono fabbricati, trasformati, detenuti o utilizzati prodotti sottoposti ad accisa e, altresì, ove è custodita la documentazione attinente a tali prodotti;
  • eseguire verificazioni, riscontri, inventari, ispezioni e ricerche e per esaminare registri e documenti;
  • operare anche negli altri luoghi in cui risulti conservata la contabilità connessa a tali prodotti;
  • prelevare, a titolo gratuito, campioni di prodotto;
  • applicare suggelli alle apparecchiature e ai meccanismi presenti nell’impianto.

A questi poteri esclusivi dell’ADM ed a quelli condivisi tra ADM e Guardia di Finanza, la norma…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it