Estromissione immobile: il caso di esenzione dal tributo

Pubblicato il 25 ottobre 2016

il trattamento IVA dei beni “estromessi” dal regime di impresa: a seguito dell’operazione di assegnazione, i predetti beni escono dall’impresa, per entrare a far parte della sfera “privata” di uno dei soci, vediamo quando si tratta di operazioni esenti e quando imponibili

monopoli-newLa disciplina agevolata delle assegnazioni e delle cessioni, di cui alla legge di Stabilità 2016, ha dato luogo a diversi problemi operativi. Per queste ragioni non è stata disposta la proroga del termine del 30 settembre 2016.

Probabilmente la legge di Bilancio 2017 modificherà la precedente disciplina adeguandola al mutato contesto normativo. Non si tratterà, quindi, di una mera riapertura dei termini, ma le novità che probabilmente saranno previste dovrebbero aiutare l’interprete a dissipare i dubbi che sono sorti dalla lettura della precedente versione del provvedimento.

Anche l’Agenzia delle entrate è stata costretta ad affrontare i medesimi dubbi che hanno interessato gli operatori. Le difficoltà sono state le medesime, come si desume anche dall’ultima circolare n. 37/E del 16 settembre scorso. In alcuni casi i passaggi del predetto documento di prassi non sono completamente chiari. In particolare, sorgono alcune perplessità dalla lettura del paragrafo 8 il cui titolo è “Base imponibile IVA dell’assegnazione agevolata”.

L’Agenzia delle entrate ha affrontato il caso riguardante il trattamento IVA dei beni “estromessi” dal regime di impresa. In pratica, a seguito dell’operazione di assegnazione, i predetti beni