Assegnazione immobile ai soci: la ricerca della giusta base imponibile IVA (articolo integrale)

La destinazione di beni a finalità estranee all’attività economica (autoconsumo) e l’assegnazione di beni ai soci si qualificano come operazione rientranti nel campo di applicazione dell’Iva.
L’inclusione tra le cessioni di beni di quelli trasferiti per finalità estranee a quelle d’impresa è motivata dallo scopo di evitare che i beni, acquistati nell’ambito dell’esercizio di un’attività economica che ha consentito il diritto alla detrazione dell’imposta subita “a monte”, giungano al consumo detassati.
In particolare, lo scopo perseguito è quello di evitare che un soggetto passivo di diritto possa avvantaggiarsi di tale qualifica per detrarre l’Iva su acquisti di beni e/o servizi utilizzati per finalità proprie (cioè allorché agisce come consumatore finale, ossia contribuente passivo di fatto). 
Ne deriva che non sono considerate cessioni rilevanti le …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it