Assegnazione agevolata di beni ai soci: trattamento contabile

di Fabio Carrirolo

Pubblicato il 19 maggio 2016

puntiamo il mouse su alcune particolarità contabili della procedura di assegnazione dei beni ai soci: le situazioni in cui può essere assegnato un immobile, le diverse opzioni dell'operazione, i trabocchetti nascosti nella contabilizzazione dell'assegnazione

lente-antiriciclaggio-immagineAspetti generali

[blox_button text="sCOPRI IL NOSTRO PACCHETTO PER ASSEGNARE I BENI AI SOCI" link="https://www.commercialistatelematico.com/ecommerce/assegnazione-beni-ai-soci-formula-plus.html" target="_self" button_type="btn-default" icon="" size="btn-md" /]

La legge di stabilità 2016 [L. 28.12.2015, n. 208] ha introdotto disposizioni atte a consentire l’assegnazione agevolata di beni ai soci e di trasformazione in società semplice delle società commerciali, a fronte dell’assolvimento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP, con contestuale riduzione dell’imposta di registro.

Una delle ipotesi nelle quali la procedura si rende maggiormente vantaggiosa è quella della società non operativa [«di comodo»], cioè della gestione in forma di società commerciale di beni e attività di fatto non relativi a una gestione commerciale, penalizzata dall’art. 30 della L. n. 724/1994.

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili [CNDCEC] è intervenuto al riguardo con un documento uscito nel mese di marzo 2016, che analizza il trattamento contabile dell'assegnazione dei beni ai soci, alla luce delle disposizioni del codice civile e dei Principi contabili nazionali OIC.

In particolare, a seguito dell’eliminazione dell’area straordinaria del conto economico, il documento informa che le plusvalenze da assegnazione, che non hanno una contropartita monetaria, dovranno essere inserite nella voce A5 del conto economico [«altri proventi»].

Se invece dall’assegnazione dei beni ai soci si genera una minusvalenza, tale componente negativo di reddito dovrà essere iscritto nella voce B.14 [«oneri diversi di gestione»].

Soggetti interessati

Per quanto disposto dall’art. 1, comma 115, della L. 28.12.2015, n. 208 [legge di stabilità 2016], la procedura di assegnazione agevolata può essere adottata:

  • dalle società commerciali [s.n.c., s.a.s., s.r.l., s.p.a., s.a.p.a.] che, entro il 30.9.2016, assegnano o cedono ai s