La detrazione IRPEF (pari al 50% dell'IVA) prevista dalla legge di Stabilità 2016 per la prima casa

la legge di Stabilità 2016 introduce una nuova detrazione IRPEF, pari al 50% dell’IVA corrisposta sugli acquisti, effettuati entro il 31 dicembre 2016, di unità immobiliari residenziali, di classe energetica A o B, ceduti dalla imprese: esaminiamo i diversi presupposti che consentono l’applicazione del beneficio

casarideIl Consiglio Nazionale del Notariato ha emanato lo studio n. 7-2016/T dal titolo “L’acquisto di immobili residenziali: detraibile il 50 per cento dell’IVA ai fini delle imposte sui redditi”, che esamina i diversi presupposti che consentono l’applicazione del beneficio introdotto dalla legge di Stabilità 2016, la quale stabilisce, una nuova detrazione IRPEF, pari al 50% dell’IVA corrisposta relativa agli acquisti, effettuati entro il 31 dicembre 2016, di unità immobiliari residenziali, di classe energetica A o B, cedute dalle imprese.

La legge di Stabilità 2016: le disposizioni

Il comma 56, dell’articolo 1, della legge 208/2016, meglio conosciuta come la legge di Stabilità 2016, prevede una detrazione dall’IRPEF del 50 per cento dell’importo corrisposto per il pagamento dell’IVA sull’acquisto effettuato entro il 2016 di abitazioni di classe energetica A o B cedute dalle imprese costruttrici.

La detrazione è pari al 50% dell’imposta dovuta ed è ripartita in 10 quote annuali.

In particolare, si consente di detrarre dall’IRPEF, fino alla concorrenza del suo ammontare, il 50 per cento dell’importo corrisposto a titolo di IVA per l’acquisto, effettuato entro il 31 dicembre 2016, di unità immobiliari a destinazione residenziale, di classe energetica A o B ai sensi della normativa vigente, se cedute dalle imprese costruttrici delle stesse.

Va evidenziato che le imposte da versare nel caso di acquisto di immobile dipendono da vari fattori legati alla qualità del venditore e alla destinazione dell’immobile; vediamo di fare alcuni esempi.

Cessione immobile con requisiti “prima casa”

Le imposte sono agevolate nel caso di acquisto di immobile da destinare, secondo i requisiti previsti dalla legge, ad abitazione principale del contribuente.

Acquisto immobile con i requisiti prima casa da un privato o da impresa con vendita esente IVA

Nel caso di acquisto da privato (o da impresa, ma con vendita esente da Iva) la transazione è :

  1. assoggettata ad imposta di registro nella misura agevolata del 2%;

  2. alle imposte ipocatastali in misura fissa, pari a 50 euro ciascuna.

Acquisto immobile con i requisiti prima casa da impresa

Nel caso di acquisto da impresa, con vendita soggetta a Iva, si applica:

  1. IVA nella misura agevolata del 4%;

  2. imposta di registro e le imposte ipocatastali, ciascuna nella misura fissa di 200 euro.

Presupposto soggettivo dell’acquirente

Lo studio del Notariato evidenzia che la norma contenuta nella legge di Stabilità 2016, non effettua alcun riferimento ai soggetti che possono applicare la nuova detrazione. La norma si limita a prevedere, nella parte iniziale, che “Ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, si detrae dall’imposta lorda.

Sono esclusi dal beneficio previsto dalla legge di Stabilità 2016:

  • le società di capitali;

  • gli enti non commerciali: tali enti, anche se determinano il reddito complessivo con modalità pressoché simili (anche se non completamente coincidenti) ad una persona fisica, sono assoggettati ad IRES.

Lo studio del Notariato ritiene che la nuova detrazione dovrebbe essere applicabile anche dai soci, persone fisiche, di società di persone, nell’ipotesi in cui l’acquisto “agevolato” dell’immobile sia effettuato nell’anno 2016 dalla società partecipata. Ciò in quanto l’oggetto dell’agevolazione non è limitato alle sole unità immobiliari utilizzate quali abitazioni principali, ma può riguardare anche le “seconde case” o gli immobili aventi caratteristiche di lusso.

Impresa costruttrice: nozione

Lo studio del Notariato, sul concetto del presupposto soggettivo del cedente, evidenzia che le cessioni delle unità immobiliari residenziali interessate dall’agevolazione devono essere effettuate dalle imprese costruttrici che applicano l’Iva all’atto del trasferimento.

In base ad…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it