Gestione delle operazioni in contanti dopo la Legge di Stabilità

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 11 aprile 2016



il cambiamento del limite per i movimenti di contanti ha generato alcuni dubbi: in questo articolo proviamo a suggerire il corretto comportamento da tenere in alcuni dei casi che capitano nella vita professionale (ad esempio le fatture quietanzate senza indicazione, i pagamenti frazionati...) per evitare le sanzioni anticiriclaggio

tanti soldiLa Legge di Stabilità 2016, Legge n.208/2015, con decorrenza dall'1/1/2016, ha modificato il limite previsto per il trasferimento di denaro contante innalzandolo il relativo tetto da euro 999,99 ad euro 2.999,99.

A tale proposito occorre anche ricordare che non è stata prevista alcuna modifica per l'emissione di assegni assegni bancari o postali in forma libera e che tali titoli dovranno essere rilasciati con la clausola di intrasferibilità (sempre se d'importo superiore ai mille euro) e in materia di libretti bancari e postali al portatore che devono avere un importo sempre inferiore ai mille euro.

Rimane sempre valido a mille euro anche il limite in vigore per le attività di money transfer e il limite di euro 15.000 applicabile ai turisti Ue che acquistano beni nel nostro Paese ovvero la cifra ammessa per il trasporto al seguito in frontiera del limite pari a euro 10.000.

La legge di stabilità 2016 ha infine abrogato l’obbligo di effettuare il pagamento con strumenti tracciabili in relazione ai canoni di locazione di unità a destinazione abitativa e ai compensi delle prestazioni di trasporto di merci su strada (si applica il limite dei 3.000 euro in vigore dal 01.01.2016).

Viene infine mantenuto fermo per le pubbliche amministrazioni, l'obbligo di procedere al pagamento degli emolumenti, erogati a qualsiasi titolo, superiori a mille euro esclusivamente con l'utilizzo di strumenti telematici.

segue... scarica l'integrale documento in pdf...:

Scarica il documento