Costi di ricerca e pubblicità: novità ed effetti sul bilancio 2015

APPUNTIIl D.Lgs. 18.8.2015 n. 139 [c.d. decreto bilanci] è intervenuto in un ambito già soggetto a revisioni frequenti come quello delle valutazioni e dei comportamenti da tenere in bilancio per fornire una rappresentazione corretta dei fatti aziendali, modificando i criteri di valutazione dei costi di ricerca e pubblicità.
Il decreto bilanci ha innovato la disciplina in esame, prevedendo che i costi di ricerca e pubblicità non siano più capitalizzabili, in linea con la prassi internazionale. Per effetto di tale innovazione, a decorrere dai bilanci relativi agli esercizi finanziari aventi inizio a partire dal primo gennaio 2016, i costi di ricerca e pubblicità costituiranno costi di periodo e dovranno essere iscritti in conto economico nell’esercizio del loro sostenimento.  SCARICA IL DOCUMENTO cliccando sul tasto rosso qui sotto……

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it