Rinuncia al credito da parte del socio: autocertificazione per sfuggire alla tassazione della sopravvenienza attiva

di Antonino & Attilio Romano

Pubblicato il 30 novembre 2015



a partire dal 2016 le rinunce a crediti da parte dei soci non generano sopravvenienze attive tassabili per il debitore solo fino a concorrenza del valore fiscale del credito: le vie per riuscire ad evitare la tassazione in capo alla società

L’art. 13, comma 1, lett. a, del D.lgs. 14/09/2015 n. 47, modifica, tra l’altro, l’art. 88 del TUIR stabilendo che le rinunce a crediti da parte dei soci non generano sopravvenienze attive tassabili per il debitore solo fino a concorrenza del valore fiscale del credito. A decorrere dal periodo d’imposta 2016, al fine di evitare la tassazione all’atto della remissione, il socio dovrà consegnare alla società una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui comunicherà il valore fiscale del credito...

Abbiamo predisposto un formulario per la gestione della rinuncia ai finanziamenti soci

vedi anche:

La rinuncia al finanziamento soci equivale a incasso giuridico salvo che… attenzione alle novità da 1/1/2016

Scarica il documento