Il giro di vite contro gli affitti in nero

Pubblicato il 24 novembre 2015

la revisione del sistema sanzionatorio riguarda anche i redditi da locazione (anche quelli soggetti a cedolare secca): ecco come aumentano le sanzioni in caso di reddito da affitti non dichiarato

E’ in atto una stretta a tutto campo sugli affitti in nero. Il Legislatore è recentemente intervenuto con l’approvazione di una disposizione che prevede il raddoppio delle sanzioni qualora il proprietario si sia avvalso del meccanismo della cedolare secca omettendo di dichiarare per intero o parzialmente il canone di locazione incassato. Le novità sono previste sia dal decreto legislativo n. 158/2015, che ha “revisionato” le sanzioni amministrative e penali, ma anche dalla legge di Stabilità del 2016 il cui esame del Parlamento non è ancora ultimato.

L’art. 1, comma 7 del D.Lgs n. 471/1997 così dispone: “Nelle ipotesi di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, se nella dichiarazione dei redditi il canone derivante dalla locazione di immobili ad uso abitativo non è indicato o è indicato in misu