La revisione del sistema sanzionatorio tributario

di Nicola Forte

Pubblicato il 8 settembre 2015

la revisione delle sanzioni penali/tributarie entrerà in vigore subito dopo la pubblicazione del Decreto legislativo nella Gazzetta Ufficiale e non sarà più un provvedimento a 'tempo determinato': ecco le prime valutazioni sulle novità di cui è atteso l'arrivo

 

La revisione delle sanzioni penali/tributarie entrerà in vigore subito dopo la pubblicazione del Decreto legislativo nella Gazzetta Ufficiale e non sarà più a tempo (non avrà scadenza). E’ questa una delle principali novità contenute nel Decreto legislativo approvato venerdì scorso dal Governo. Ora il Decreto dovrà ottenere il via libera definitivo del Parlamento per poi approdare nella Gazzetta. Decorso il periodo di vacatio legis di quindici giorni le disposizioni saranno pienamente efficaci e troverà anche applicazione il principio del favor rei.

Secondo la versione iniziale del provvedimento le nuove sanzioni penali avrebbero dovuto trovare applicazione dal 1 gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2017. Si “giustificava” la temporaneità delle disposizioni con la cronica mancanza di risorse finanziarie e con la necessità di ottenere la bollinatura del testo dalla Ragioneria generale dello Stato.

Il vice ministro