Studi di settore: quando si perde il principale cliente...

 
La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia (sentenza 1893/15/2015) ha ritenuto illegittimo un accertamento fondato sull’applicazione degli studi di settore affermando che la perdita del cliente principale, avvenuta nel corso dell’anno, è in grado di spiegare lo scostamento rispetto alla soglia di congruità individuata da Gerico. In buona sostanza il maggior ricavo determinato da Gerico non è in grado di dimostrare, da solo, la gestione antieconomica dell’impresa.
La decisione dei giudici di merito è sicuramente condivisibile anche se il principio espresso può riguardare solo i redditi di impresa e non i redditi di lavoro autonomo. Ciò in quanto il modello degli studi di settore applicabile agli esercenti arti e professionisti è, nella maggior parte dei casi, “a prestazioni”. Diversamente per …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it