Prelievi ingiustificati dei soci sui conti societari: ricavi in nero (presunti dal fisco) ed ipotesi di bancarotta fraudolenta

 
Aspetti tributari
Normativa di riferimento
L’articolo 32, n. 2, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, dispone una presunzione legale in base alla quale, per quanto riguarda le società, sia i prelevamenti sia i versamenti operati sui conti bancari vanno imputati a ricavi, “… se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e semprechè non risultino dalle scritture contabili, i prelevamenti o gli importi riscossi nell’ambito dei predetti rapporti od operazioni…”.
E’ evidente che, in virtù del principio di libertà dei mezzi di prova, il contribuente è legittimato a fornire la prova contraria anche attraverso presunzioni semplici ed i Giudice individuerà analiticamente i fatti noti evidenziati in sede di difesa processuale dai quali dedurre quelli ignoti, correlando ciascun indizio ai movimenti …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it