Fattura elettronica: in caso di controllo, quali modalità occorre rispettare per mettere i documenti a disposizione del Fisco?

di Nicola Forte

Pubblicato il 9 maggio 2015

a fronte dello sviluppo della fatturazione elettronica, sorge il problema di come gestire l'esibizione della documentazione conservata in formato elettronico a disposizione del Fisco in caso di controllo

Il Governo “rilancia” la fatturazione elettronica e con l’approvazione di uno schema di decreto legislativo ha inteso incentivare l’uso di tale strumento, riconoscendo ai contribuenti una serie di benefici fiscali. L’idea è sicuramente apprezzabile, ma probabilmente è necessario uno sforzo da parte di tutti al fine di evitare che le ultime misure falliscano gli obiettivi individuati.

Infatti, da una parte lo Stato intende semplificare le attività di controllo fiscale ponendo il Fisco nella condizione di conoscere agevolmente e “a tavolino” la posizione del contribuente. Così si spiegano i vantaggi fiscali riconosciuti ai contribuenti che invieranno telematicamente all’Agenzia delle entrate tutte le fatture passive ed attive. Dall’altro lato il riconoscimento dei predetti benefici deve essere sufficientemente “forte” per incentivare il ricorso all’emissione delle fatture in formato elettronico.

 

Oggi è ancora presto per esprimere un’opinione sullo schema di decreto legislativo. Sarà necessario attendere oltre all’approvazione definitiva del provvedimento, anche i Decreti di attuazione del Direttore dell’Agenzia delle entrate. Tuttavia, è necessario che anche l’Amministrazione finanziaria contribuisca all’incentivazione dell’utilizzo degli strum