La nuova gestione della comunicazione black list

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 27 gennaio 2015

il "Decreto semplificazioni" ha ridotto gli adempimenti riguardanti le operazioni coi cosiddetti paradisi fiscali: ecco le nuove scadenze da rispettare e l'analisi dell'ultima scadenza relativa al 2014, da gestire correttamente

Premessa normativa

L'art. 21 del Decreto semplificazioni n. 175/2014 ha modificato la normativa previgente in materia di "comunicazioni black- list" stabilendo, con decorrenza 13 Dicembre 2014, l'innalzamento ad euro 10.000 riferito alle operazioni complessive (in luogo di 500 euro) della soglia minima al di sotto della quale non è obbligatoria alcuna comunicazione ed ha introdotto la presentazione annuale della comunicazione in oggetto in luogo della periodicità trimestrale.

L’Agenzia delle Entrate, con un comunicato stampa del 19 dicembre 2014 e con la circolare n. 31/E del 30 dicembre 2014, ha fornito alcune indicazioni sulla decorrenza/applicazione operativa delle nuove regole relative alla comunicazione delle operazioni con Paesi "Black list", previste dal decreto sulle semplificazioni fiscali.



MODALITA' PRATICHE OPERATIVE PRIMA DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI

Al fine di contrastare l’evasione fiscale internazionale, il D.L. n. 40 del 2010 ha introdotto l’obbligo per i soggetti IVA residenti nel territorio dello Stato di comunicare all’Agenzia delle entrate le transazioni attive e passive intrattenute con operatori aventi sede, residenza o domicilio nei Paesi a fiscalità privilegiata.

Come disposto dal Decreto Legge n. 16 del 2012 erano da comunicare, se di ammontare superiore a 500 euro, le cessioni di beni, comprese le esportazioni, gli acquisti di beni, comprese le importazioni, le prestazioni di servizi rese nonché prestazioni di servizi ricevute.

La comunicazione andava trasmessa in via telematica, con le periodicità di seguito indicate:

a) trimestrale, se nei quattro trimestri precedenti, e per ciascuna delle quattro categorie di operazioni suindicate, siano state realizzate operazioni per un ammontare non superiore