L'autorizzazione espansiva alle indagine finanziarie vale anche per i soci della società

Con la sentenza n. 21792 del 15 ottobre 2014 (ud. 16 luglio 2014) la Corte di Cassazione torna ad affrontare la questione dell’autorizzazione alle indagini finanziarie.
Il fatto
Il contribuente propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della CTR deducendo la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32, c. 1, n. 7, e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 51, c. 1, per avere la CTR ritenuto che la mancanza dell’autorizzazione del Direttore Centrale o del Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate non abbia determinato inutilizzabilità delle prove acquisite irritualmente: l’autorizzazione concessa all’Agenzia delle Entrate di Breno era infatti limitata all’accertamento fiscale nei confronti di una società partecipata dalla ricorrente, ma non alla sua attività, separata, di consulenza contabile. Da ciò l’inutilizzabilità dei risultati delle indagini bancarie e l’annullamento dell’avviso di accertamento impugnato.

Motivi della decisione
Per la Corte è “incontroversa l’esistenza dell’autorizzazione contemplata dal D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32 e D.P.R. n. 633 del 1972, art. 51, comma 2 alla richiesta alle banche di fornire dati, notizie e documenti relativi ai servizi prestati ed ai rapporti intrattenuti con i propri clienti, quanto meno nei confronti della…; la ricorrente ha omesso di specificare l’esatto contenuto della stessa al fine di desumere la portata dell’autorizzazione medesima, che ha natura meramente procedimentale, configurandosi quale atto preparatorio inidoneo a produrre effetti giuridici all’esterno dell’organizzazione e ad incidere sulla sfera giuridica di terzi e non deve essere motivata (Cass. 26173/2011). Non è invero possibile desumere se l’autorizzazione potesse ritenersi estesa oltre che alla società di persone anche ai conti correnti dei soci. Si osserva al riguardo che l’unitarietà dell’accertamento che è alla base della rettifica delle dichiarazioni dei redditi delle società di persone e delle associazioni di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 5 e dei soci delle stesse induce, piuttosto, a ritenere che l’autorizzazione alla verifica dei c/c della società contribuente comprendesse necessariamente anche il controllo di quelli intestati ai soci illimitatamente responsabili. L’accertamento del reddito sociale e l’accertamento del reddito dei singoli soci, attesa la c.d. autonomia patrimoniale imperfetta che caratterizza le società di persone, in presenza della responsabilità solidale e illimitata di tutti i soci per le obbligazioni sociali (art. 2291 cod. civ.), sono in evidente rapporto di reciproca implicazione, in quanto non si può accertare il secondo se non accertando il primo, ed il primo condiziona l’accertamento del secondo (Cass. Ss.Uu. 14815/2008)”.
La Corte conferma che “ha già affermato che, in forza del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32, n. 7, e art. 37, comma 3, l’acquisizione dagli istituti di credito di copia dei conti bancari intrattenuti con il contribuente e l’utilizzazione dei dati da questi risultanti ai fini delle rettifiche e degli accertamenti (se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto nelle dichiarazioni o che non si riferiscono ad operazioni imponibili) non possono ritenersi limitate, in caso di società di capitali a ristretta base sociale, ai conti formalmente intestati alla società, ma riguardano anche quelli intestati ai soci e agli amministratori (Cass. 13391/2003). Nell’ambito di tale verifica, che nel caso di società di persone è necessariamente unitaria e comprensiva di conti della società e dei soci, in quanto inscindibilmente connessi, furono riscontrate movimentazioni non congrue rispetto alla personale attività della socia, che, in assenza di adeguate giustificazioni della contribuente furono legittimamente poste a base dell’accertamento nei suoi confronti&rdquo…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it