Gli effetti della risoluzione del contratto di donazione di immobile

la problematica scaturisce da un lato dall’incremento di atti di donazione a seguito del calmieramento dell’imposta sulle successioni e sulle donazioni; dall’altro dal fatto che a fronte di questo incremento continua a persistere nell’ordinamento una forte tutela delle ragioni dei legittimari, così che il donatario di un bene immobile ha normalmente difficoltà ad cederlo o a costituire su di esso
diritti di garanzia. Il tutto con evidente compromissione della libera circolazione dei beni in questione.
In considerazione dei motivi che spingono a risolvere gli atti di donazione occorre domandarsi quali effetti fiscali tale operazione produce sia dal punto di vista delle imposte dirette che dal punto di vista delle imposte indirette

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it