Il REGIME IVA DEL MARGINE sui beni usati: le principali caratteristiche di funzionamento, le condizioni oggettive e i vantaggi a esso associati

Aspetti generali

Il regime del margine è sorto, adottando il sistema di deduzioni IVA «base da base», per applicare l’imposta sulle cessioni di beni usati.

Esso è stato introdotto nell’ordinamento italiano, in recepimento delle norme comunitarie, dal D.L. 23.2.1995, n. 41, convertito con modificazioni dalla L. 22.5.1995, n. n. 85 (artt. da 36 a 40).

Dal 2001, poi, per effetto dell’art. 40-bis introdotto dall’art. 45 della L. 21.11.2000, n. 342, la stessa disciplina si applica anche alle agenzie di vendita all’asta.

Nel presente contributo si cercherà di metterne in luce le principali caratteristiche di funzionamento, le condizioni oggettive e i vantaggi a esso associati.

Quali sono i beni interessati

I beni rientranti entro questo particolare regime IVA sono:

  1. beni mobili usati, che provengono da acquisti originari effettuati da:

  • soggetti privati residenti in Italia o in un altro Stato UE;

  • soggetti passivi (imprenditori o professionisti) che non abbiano detratto l’IVA all’acquisto e all’importazione;

  • operatori residenti in un altro Stato UE che beneficiano nel loro Paese della franchigia accordata alle piccole imprese;

  • soggetti IVA che operano nel regime del margine e abbiano assoggettato la cessione del bene al regime speciale.

  1. oggetti d’arte, di antiquariato o da collezione (quadri, oggetti manifatturati decorati a mano, incisioni, stampe e litografie originali, sculture, arazzi, fotografie eseguite dell’artista, francobolli, marche da bollo, marche postali, collezioni ed esemplari per collezioni di zoologia, di botanica, di mineralogia, di anatomia, o aventi interesse storico, etc.);

L’aliquota applicata

Ai sensi della voce n. 127-septiesdecies, Tabella A, parte III, del decreto IVA, è prevista l’aliquota ridotta del 10% nelle seguenti ipotesi:

  1. importazioni di oggetti d’arte, di antiquariato o da collezione, chiunque sia l’importatore (privato, rivenditore di mobili d’arte, casa d’asta etc.). L’aliquota ridotta si applica solo alle importazioni, mentre sulle successive rivendite interne di tali beni torna applicabile l’aliquota ordinaria;

  2. cessioni interne degli oggetti d’arte indicati nella tabella allegata al D.L. n. 41/1995, quando vengono effettuate direttamente dagli autori delle opere, ovvero dai loro eredi o legatari.

Negli altri casi (quando, cioè, le vendite sono effettuate da commercianti, antiquari, etc.) si sconta sempre l’IVA con l’aliquota ordinaria.

Alcune precisazioni

Per quanto riguarda le importazioni di oggetti d’arte, di antiquariato o da collezione, gli uffici doganali devono eseguire un duplice controllo:

  1. per i beni per i quali non è previsto il rilascio di apposita certificazione da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, occorre procedere in base alle disposizioni comunitarie in materia doganale e verificare il codice di Nomenclatura Combinata;

  2. per i beni che hanno l’attestazione di interesse culturale si deve verificare che gli stessi rientrino nelle categorie previste dalla tabella allegata al D.L. n. 41 del 1995.

I beni usati devono essere rivenduti così come sono stati acquistati oppure dopo essere stati riparati, anche se hanno ricevuto una diversa utilizzazione, purché non siano stati modificati completamente e strutturalmente in modo tale da perdere le caratteristiche tipologiche, ovvero non siano utilizzati come materia prima o semilavorato per produrre altri beni.

Il regime analitico del margine

Attraverso il regime del margine l’IVA viene calcolata sulla differenza tra il prezzo di vendita dei beni e quello di acquisto maggiorato dei costi di riparazione e dei costi accessori (regime analitico del margine).

La base imponibile sulla quale viene applicata l’aliquota IVA prevista per la cessione del bene non è quindi determinata, come normalmente avviene per le altre cessioni, sull’intero prezzo di vendita, bensì solamente sull’utile (o «margine»), successivamente alla rivendita di un…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it