F24 telematici anche ai privati: attenzione a novità, limiti e sanzioni!

di Nicola Forte

Pubblicato il 23 settembre 2014

dal prossimo 1 ottobre cambiano le modalità di invio degli F24: in particolare, si riducono ulteriormente e drasticamente i casi di presentazione del modello cartaceo allo sportello, mentre diventa obbligatorio l'invio telematico in presenza di compensazione di crediti da parte del contribuente

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le prime indicazioni con la Circolare n. 27/E del 19 settembre, avente ad oggetto il mutamento delle regole previste per effettuare i versamenti dei tributi e contributi utilizzando il modello F24.

Le novità sono state previste dall’art. 11, c. 2, del D.L. n. 66/2014, che ha reso obbligatorio, con decorrenza dal 1° ottobre prossimo, l’obbligo di utilizzo dei servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate o dal proprio istituto di credito o da Poste Italiane. Il modello F24 cartaceo sembra così destinato a scomparire del tutto, ma almeno per il momento l’affermazione non è corretta.

In ogni caso, per ciò che riguarda l’ambito applicativo della novità deve essere ricordato preliminarmente come i nuovi strumenti di pagamento non siano obbligatori per i tributi che devono essere versati mediante l’utilizzo del modello F23. Ad esempio l’imposta di registro o l’imp