L'imposta di bollo speciale sulle attività scudate e l'imposta patrimoniale sulle attività finaziarie detenute all'estero

i contribuenti che hanno aderito allo scudo fiscale e che detengono attività finanziarie tutt’ora secretate devono fare i conti con l’imposta di bollo speciale a suo tempo approvata dal governo Monti

Il c.d. “Decreto Monti” (d.l. 6.12.2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22.12.2011, n. 201) ha, con l’art. 19, introdotto nuove misure impositive sulle attività oggetto di emersione per effetto dei precedenti provvedimenti che hanno consentito il c.d. “scudo fiscale”.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it