Modello polivalente per le comunicazioni black list

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 26 aprile 2014

è operativo il nuovo modello polivalente per comunicare le operazioni black list: una rassegna delle novità da seguire in fase di compilazione

Si utilizza il Modello polivalente per comunicare le operazioni black list. Inoltre, il Decreto Legge n. 16/2012 ha escluso dall’obbligo di comunicazione le operazioni che non superano i 500 euro (norma in vigore dal 2 marzo 2012).

Per il resto tutto è rimasto invariato. Come è noto, i soggetti passivi Iva devono comunicare all’Agenzia delle entrate i dati relativi alle operazioni (a decorrere da quelle effettuate dal 1° luglio 2010) con operatori economici con sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a fiscalità privilegiata (cd. “Paesi black list”) individuati dal Decreto 4 maggio 1999 del Ministro delle Finanze (per le persone fisiche) e dal Decreto 21 novembre 2001 del Ministro delle Finanze (per le società).

Devono essere comunicati i dati relativi a:

- cessioni di beni e prestazioni di servizi rese;

- acquisti di beni e prestazioni di servizi ricevute.

I dati vengono comunicati all’Agenzia delle entrate con periodicità:

- trimestrale dai soggetti che hanno realizzato, nei 4 trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni (cessioni di beni, acquisti di beni, prestazioni di servizi e acquisti di servizi), un ammontare totale trimestrale non superiore a 50mila euro;

- mensile negli altri casi.

Chi è tenuto alla presentazione trimestrale può scegliere di adottare la periodicità mensile per l’intero anno solare.

I contribuenti che presentano una comunicazione trimestralmente e che nel corso di un trimestre superano la soglia dei 50mila euro devono passare alla periodicità mensile a partire dal mese successivo a quello in cui il limite viene superato. In questo caso, per i periodi mensili già trascorsi, vanno presentate le comunicazioni opportunamente contrassegnate.

I contribuenti che presentano la comunicazione con periodicità trimestrale devono far riferimento ai 4 trimestri che compongono l’anno solare.

Il modello di comunicazione va presentato all’Agenzia delle entrate in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati, entro