La tassazione dei redditi da terreni e fabbricati

L’Agenzia delle Entrate (Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 31 Gennaio 2014) ha approvato il modello definitivo UNICO Persone Fisiche 2014 e relative istruzioni, da utilizzare per il periodo d’imposta 2013. Analizziamo nel proseguo del presente contributo, le principali novità contenute nel suddetto modello dichiarativo, con particolare riferimento all’indicazione dei redditi dei terreni e dei fabbricati. Preliminarmente, si osserva che i redditi fondiari devono essere indicati nella dichiarazione dei redditi UNICO PF 2014 senza operare la rivalutazione di legge, così come peraltro avviene per il modello 730. Da un punto di vista prettamente operativo, quindi, all’interno del quadro RA del dichiarativo, dovranno essere indicati il reddito dominicale non rivalutato (campo 1) ed il reddito agrario non rivalutato risultanti dagli atti catastali (campo 3).
 
Un diverso trattamento è previsto, invece, per i terreni concessi in affitto per usi agricoli a giovani imprenditori di età inferiore a 40 anni (cfr. art. 14, c.3, l. n. 441/1998): nella quantificazione del reddito complessivo da riportare nel quadro RN, detti redditi dovranno, infatti, essere rivalutati rispettivamente dell’80% e del 70%, applicando poi l’ulteriore rivalutazione del 15% prevista dalla Legge di Stabilità per il 2013 (art. 1, comma 512, legge n. 228/2012) per gli anni 2013, 2014 e 2015. Peraltro, la rivalutazione in parola scende al 5% in presenza di redditi derivanti da terreni agricoli, nonché da quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella relativa gestione previdenziale. Inoltre, con riferimento a tale tipologia reddituale, nel caso di terreni non affittati, l’IMU sostituisce l’IRPEF e le relative addizionali sul reddito dominicale con l’effetto che si dovrà tenere conto soltanto del reddito agrario. Continuano, invece, a rimanere assoggettati ad IRPEF, anche se non affittati, i terreni per i quali è prevista l’esenzione dall’IMU: si tratta, ad esempio, dei terreni ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell’art. 15 della legge n. 984/1977 (codice «1» in colonna 9), ovvero dei terreni agricoli, nonché di quelli non coltivati, di cui all’art. 13, comma 5, del D.L. n. 201/2011, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola, per i quali per l’anno 2013 non è dovuta l’IMU ai sensi del D.L. n. 133/2013 (codice «2» in colonna 9).
 
E’ bene rammentare che, l’esclusione da IMU nel 2013 dell’abitazione principale e relative pertinenze si riflette, altresì, sulla compilazione del quadro RB del modello UNICO 2014 PF, in quanto il relativo reddito fondiario concorre alla formazione del reddito complessivo e deve essere pertanto indicato nel nuovo campo 18 “Abitazione principale non soggetta ad IMU”; in questi casi è comunque prevista una deduzione dal reddito complessivo di un importo fino all’ammontare della rendita catastale dell’unità immobiliare stessa e delle relative pertinenze. Di contro, invece, per le abitazioni principali e relative pertinenze per le quali è dovuta l’IMU per il 2013 – ovvero abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (“abitazioni di lusso” e delle abitazioni per le quali è dovuta esclusivamente la prima o la seconda rata dell’IMU) ed abitazioni soggette alla cd. “Mini IMU” – il reddito fondiario non concorre alla formazione del reddito complessivo. In questi casi il relativo reddito va indicato nella colonna 16 del quadro RB, indicando nella colonna 12 “Casi particolari IMU” il codice 2. Un …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it