Sono legittimi gli accertamenti su PVC di terzi

Con l’ordinanza n. 1075 del 20 gennaio 2014 (ud. 4 dicembre 2013) la Corte di Cassazione torna ad esaminare la questione relativa all’avviso di accertamento basato su un Pvc, redatto nei confronti di altro soggetto, non notificato e solo allegato all’avviso di accertamento di che trattasi.
 
Il principio
“In tema di imposta sul valore aggiunto, nel caso in cui la motivazione dell’avviso di accertamento faccia rinvio a verbali ispettivi redatti nei confronti di soggetti diversi dal contribuente, è necessario, ai fini della legittimità dell’atto, che l’amministrazione dimostri, anche tramite presunzioni, l’effettiva conoscenza di tali documenti da parte del contribuente”(Cass. nn. 4430/2003, 4305/1997).
Inoltre, costituisce ius receptum, secondo cui “ricorre il vizio di omessa motivazione della sentenza, denunziabile in sede di legittimità, ai sensi …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it