Mediazione tributaria e prematura costituzione in giudizio

Secondo un preciso orientamento giurisprudenziale (1) è inammissibile, ex art. 17-bis, del D.Lgs. n. 546/92, che ha previsto, per le controversie di valore non superiore a ventimila euro, relative ad atti dell’Agenzia delle entrate, notificati a decorrere dal 1° aprile 2012, l’istituto del reclamo/mediazione, il ricorso depositato in giudizio prima del tentativo del procedimento di mediazione. Solo in caso di mancata conclusione positiva del tentativo di definizione in sede amministrativa, il contribuente può adire la Commissione per l’attivazione del contenzioso È inammissibile il ricorso depositato in giudizio prima dell’espletamento del procedimento di mediazione. Per il caso di costituzione in giudizio prima del termine il giudice deve dichiarare l’inammissibilità del ricorso per mancato rispetto dei termini prescritti.
 
Secondo diverso orientamento giurisprudenziale la disciplina sul procedimento di reclamo e mediazione sanziona con l’inammissibilità del ricorso soltanto la mancata presentazione del reclamo. Trattandosi di una norma che limita e/o condiziona l’esercizio del diritto di agire in giudizio, garantito dall’art. 24 Cost., tale norma va interpretata in senso restrittivo e non estensivo. Pertanto, l’interposizione del reclamo soddisfa la sola e unica condizione di ammissibilità prevista dalla norma, non dovendosi considerare tale anche il, previo, decorso del termine di 90 giorni per potersi costituire in giudizio.
 
È corretto sostenere che il deposito ante tempus del reclamo/ricorso presso la Commissione tributaria provinciale non determina l’inammissibilità del ricorso. È giusto sostenere che la «sola e unica condizione di ammissibilità», prevista dall’art. 17-bis, c. 2, del D.Lgs. n. 546/1992, è la proposizione del reclamo .In tal senso depongono la formulazione letterale dell’art. 17-bis, comma 2, nonché il principio generale (Cassazione SS .UU 24 Luglio 2013 n. 17931) che impone un apprezzamento prudente delle norme sull’inammissibilità degli atti giudiziali, per far sì che il processo possa pervenire ad una pronuncia sul merito del rapporto formante oggetto del contendere. Le norme che prevedono condizioni di ammissibilità devono essere oggetto di stretta interpretazione, essendo le stesse una deroga all’esercizio del diritto di agire in giudizio (garantito dall’art. 24 Cost.), con la conseguenza che le sanzioni in oggetto non possono estendersi ad ipotesi diverse da quelle espressamente previste.
 
Una volta proposto il reclamo, niente preclude il relativo accoglimento od il perfezionamento della mediazione. In particolare, non lo impedisce l’eventuale deposito del reclamo medesimo presso la segreteria della Commissione tributaria provinciale. In buona sostanza , ciò che rileva è che il reclamo venga presentato all’Agenzia delle entrate ,poiché in tal caso è consentito l’esercizio dell’autotutela da parte di quest’ultima e si consente la composizione in via di mediazione della lite potenziale. E’ ragionevole che solo la notificazione all’Amministrazione finanziaria del reclamo costituisca requisito di ammissibilità della domanda giudiziaria CTP di Reggio Emilia, Sez. III, Sent. 30 maggio 2013 n. 125).
Il citato primo orientamento suscita perplessità poiché la sanzione dell’inammissibilità non è proporzionata. In effetti, dal deposito “anticipato” del reclamo ricorso nella segreteria consegue, in pratica, la conseguenza della inammissibilità del ricorso, che porta con sè, decorso il termine della impugnazione, pure la definitività dell’atto impugnato. E’ veramente eccessivo e non in linea con i principi della giusta imposizione…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it