Ristrutturazioni edilizie e collegato bonus mobili ed elettrodomestici

Con la recente circ. 19.9.2013 n. 29/E, l’Agenzia delle Entrate ha fornito, tra le altre, talune precisazioni in relazione alla nuova detrazione IRPEF del 50% (art. 16 co. 2 del DL 4.6.2013 n. 63) per l’acquisto di mobili (e di determinati elettrodomestici) destinati all’arredo “dell’immobile oggetto di ristrutturazione“.

In primo luogo, bisogna sottolineare che tale agevolazione interessa soltanto i soggetti IRPEF (residenti o non residenti nel territorio dello stato) che già possono beneficiare della detrazione IRPEF del 50% sulle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio: gli interventi di recupero sull’immobile, che costituiscono presupposto del beneficio in esame, non si limitano soltanto alla “ristrutturazione edilizia” in senso tecnico, ma comprendono, anche, la manutenzione straordinaria, il restauro e risanamento conservativo, effettuati sia sulle parti comuni di edifici residenziali che sulle singole unità immobiliari residenziali.

Condizione imprescindibile per poter fruire della detrazione in esame è rappresentata dal fatto che i mobili e gli elettrodomestici acquistati devono essere destinati all’arredamento dell’unità immobiliare residenziale oggetto di interventi di ristrutturazione: non possono ottenere l’agevolazione in esame, quindi, coloro che rinnovano solo l’arredamento senza aver eseguito interventi di recupero, ovvero acquistano mobili/elettrodomestici per arredare un’abitazione di nuova costruzione. Peraltro, l’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se detti beni sono destinati all’arredo di un ambiente diverso da quelli oggetto di interventi edilizi, purché l’immobile, nel suo complesso, sia stato oggetto degli interventi edilizi richiamati dalle descritte disposizioni di legge.

Anche l’effettuazione di interventi edilizi su parti comuni di edifici residenziali quali, ad esempio, gli interventi effettuati sull’abitazione del custode, comporta l’ammissione al beneficio, pro quota per ciascun condomino, limitatamente, però, agli acquisti di beni agevolati destinati all’arredo delle parti comuni. In buona sostanza, possono beneficiare della agevolazione in commento, in presenza di interventi edilizi su parti comuni di edifici residenziali, le spese sostenute per beni mobili e grandi elettrodomestici da posizionare, ad esempio, nelle guardiole, nell’appartamento del portiere, oppure nella sala adibita a riunioni condominiali… In nessun caso, però, l’effettuazione di lavori di ristrutturazione sulle parti comuni condominiali consente ai singoli condomini, che già fruiscono pro-quota della relativa detrazione, di acquistare mobili e grandi elettrodomestici da destinare all’arredo della propria unità immobiliare.

Possono beneficiare dell’agevolazione in commento le spese documentate e sostenute per l’acquisto di determinati beni mobili, purché nuovi. Ci si riferisce, in particolare, ai mobili, grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) e di apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica. Ad ogni modo, non sono agevolabili gli acquisti di porte, di pavimentazioni (ad esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

La detrazione in esame compete per le spese sostenute dal 6 giugno 2013, (data di entrata in vigore del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63) al 31 dicembre 2013 (data ultima entro cui devono essere sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici) a condizione che colui che sostiene la spesa possa altresì fruire della detrazione del 50% sulle spese riconducibili ad interventi di ristrutturazione edilizia, sostenute a decorrere dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del DL 83/2012). Sul punto, nella richiamata circolare, viene chiarito che le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici possono essere sostenute anche prima di quelle per la ristrutturazione dell’immobile, purché siano stati già avviati i lavori di…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it