La contabilità tenuta presso terzi non legittima i versamenti Iva oltre la naturale scadenza

Premessa
I contribuenti (siano esso persone fisiche o giuridiche) titolari di una Partita IVA, soggetti alla determinazione mensile dell’Imposta sul Valore Aggiunto ed al contestuale versamento, pur nelle mille difficoltà economiche e connesse alla riscossione puntuale dei crediti, sono tenuti, per effetto di legge a rispettare i termini e le modalità di versamento a cadenza, per l’appunto mensile, fatti salvi gli eventuali accessi all’istituto del ravvedimento operoso (esistente, allo stato attuale in tre forme diverse, coma da prospetto riportato più avanti).
Ci si riferisce, in particolar modo, alla categoria di contribuenti che conducono la contabilità nel regime ordinario…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it