Le modalità per la consegna della convocazione dell’assemblea di condominio

di Cinzia Celati

Pubblicato il 22 aprile 2013

il corretto invio (a termine di legge) dell'avviso di convocazione dell'assemblea di condominio è atto fondamentale per la corretta costituzione dell'assemblea condominiale

Di fondamentale importanza è la consegna dell'avviso di convocazione dell'assemblea di condominio, tanto ordinaria che straordinaria.

Le normative in materia di condominio non prevedono alcun obbligo di forma o mezzo per l'avviso di convocazione dell'assemblea, pertanto la comunicazione può essere fatta anche oralmente, in base al principio della libertà delle forme, salvo che il regolamento non prescriva particolari modalità di notifica del detto avviso.

Tuttavia, è certamente sconsigliabile la forma orale per l'avviso di convocazione dell'assemblea onde evitare potenziali contestazioni post assemblea che potrebbero condurre all'invalidità dell'assemblea stessa da parte dei condòmini interessati con gravi ripercussioni sulla negligenza dell'amministratore di condominio che non sarebbe in grado di dimostrare che in realtà tutti i condòmini erano stati avvisati in merito alla convocazione. Peraltro, l'avviso di convocazione dell'assemblea si intende notificato anche oralmente soltanto nel caso in cui si comunichi l'intero contenuto dell'avviso di convocazione dell'assemblea di cui nello specifico luogo, data, orario, eventuali documenti allegati quali rendiconto e preventivo, argomenti di discussione all'Ordine del Giorno, la presenza di soggetti durante l'assemblea quali professionisti e/o fornitori etc. Pertanto, nonostante il fatto che la legge non fissi regole precise in merito, p