La prova delle cessioni intracomunitarie: quando è necessario fornire la prova della cessione; cosa è necessario provare; i mezzi di prova ammessi; le novità...

Come noto, le cessioni di beni rivolte a paesi esteri non sono sottoposte ad imposizione IVA. Per il caso delle cessioni verso paesi membri dell’Unione Europea, sussiste un regime di non imponibilità per effetto dell’art. 41 D.L. 331/93; con riferimento alle cessioni verso paesi extra UE, vi è un regime di esclusione dal campo di applicazione dell’Iva (ex art. 7 e ss. DPR 633/72, per difetto del requisito della territorialità).
In entrambe le fattispecie c’è il rischio che la mancata sottoposizione ad IVA crei comportamenti distorsivi, volti all’evasione dell’imposta “camuffando” come cessioni destinate all’estero ordinarie cessioni interne effettuate ad altri soggetti.
Con più preciso riferimento alle cessioni intracomunitarie, la presentazione telematica dei Modelli Intrastat e l’incrocio …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it