La responsabilità solidale negli appalti: alcuni aspetti critici

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 25 gennaio 2013

analisi di alcuni aspetti critici relativi alle norme che estendono la responsabilità fiscale all’appaltatore in caso di omissioni di versamenti da parte del subappaltatore

Come già commentato su queste colonne, l’art. 13-ter, D.L. n. 83/2012 (in vigore dal 12 agosto 2012) ha modificato la disciplina in materia di responsabilità fiscale nell’ambito dei contratti d’appalto e subappalto di opere e servizi, prevedendo la responsabilità dell’appaltatore e del committente per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’IVA dovuta, rispettivamente, dal subappaltatore e dall’appaltatore, in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del contratto.

Per effetto delle suddetta novità, è previsto che l’appaltatore risponde solidalmente (senza alcun limite temporale) col subappaltatore nel limite del corrispettivo dovuto. Peraltro, viene radicalmente modificata la circostanza che consente l’esonero dalla responsabilità, previa le verifica dell’esecuzione degli adempimenti da parte del subappaltatore, eventualmente certificati con un’asseverazione: in mancanza dell’esibizione della suddetta asseverazione, l’appaltatore può sospendere il pagamento del compenso fino all