Le detrazioni d’imposta per i dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di lavoro

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 12 novembre 2012

ai lavoratori dipendenti che devono cambiare comune di residenza per motivi di lavoro è concessa una specifica detrazione IRPEF

L'art. 16 c. 1-bis del TUIR riconosce una detrazione dall'IRPEF lorda a favore dei lavoratori dipendenti che hanno trasferito o che trasferiscono la propria residenza per motivi di lavoro, prendendo in locazione un'unità immobiliare destinata a propria abitazione principale nel nuovo Comune di lavoro, ovvero in un Comune limitrofo.

Dalla lettura del testo della suddetta disposizione si evince che possono beneficiare della detrazione in commento soltanto i contribuenti titolari di un rapporto di lavoro dipendente, anche se in dipendenza di un contratto di lavoro appena stipulato (esempio una nuova assunzione). In nessun caso, quindi, possono fruire dell’agevolazione in esame i contribuenti con un contratto di lavoro differente rispetto a quello di lavoro subordinato. È il caso, ad esempio, dei collaboratori coordinati o continuativi (compresi i lavoratori a progetto), ovvero dei