Sindaco unico e sindaco supplente

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 4 ottobre 2012

le società che intendono nominare un sindaco unico (ai sensi della nuova normativa sul collegio sindacale) devono anche prevedere nella nomina l'eventuale nominativo del sindaco supplente?

L'articolo 2397 c.c dispone che il collegio sindacale è composto da tre a cinque membri effettivi oltre a due sindaci supplenti. Questi ultimi sono nominati con lo scopo di subentrare ai membri effettivi che dovessero essere sostituiti nel corso del mandato, al fine di assicurare una completa costituzione del collegio e per assolvere efficacemente ai compiti che la legge gli assegna.

Nello specifico, la disciplina del subentro è normata dall’art. 2401 c.c. secondo cui, in caso di morte, decadenza o rinuncia di uno dei componenti effettivi del Collegio, ove ne ricorrano i presupposti, al sindaco cessato subentra automaticamente e temporaneamente, ovvero fino alla prima assemblea successiva (che dovrà provvedere alla reintegrazione dell’organo), uno dei sindaci supplenti in ordine di anzianità e con modalità tali da rispettare quanto disposto dall’art. 2397 c. 2 c.c..

Quest’ultima disposizione disciplina, in estrema sintesi, la composizione del Collegio sindacale al quale non