Nuova esenzione IMU per gli immobili degli enti non commerciali

L’esenzione IMU per gli enti non profit spetta solo se negli immobili vengono esercitate solo attività non commerciali.

Infatti, il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, con la circolare n. 3 del 18.05.2012, ha evidenziato le modifiche che sono state apportate di recente alla disciplina delle esenzioni.

In particolare, ha previsto che gli enti non commerciali devono pagare l’IMU se sugli immobili posseduti vengano svolte attività didattiche, ricreative, sportive, assistenziali, culturali, e cosi via, in forma commerciale.

Inoltre, se l’unità immobiliare abbia l’utilizzazione mista (per es., nella sala vi sia anche un bar aperto anche ai non soci, o comunque gestito in maniera commerciale), l’esenzione si applica solo sulla parte nella quale si svolge l’attività non commerciale, sempre che sia identificabile. Altrimenti  (caso di utilizzo misto dell’immobile) necessitano le disposizioni attuative (ovvero di dettaglio) per determinare il tributo dovuto, che, purtroppo, ancora non sono state emanate.

Infine, si applicano anche all’IMU le agevolazioni previste dall’art. 21 del D.Lgs 460/1997, secondo cui i comuni possono deliberare nei confronti delle Onlus e degli enti non commerciali la riduzione o l’esenzione dal pagamento dei tributi di loro pertinenza e dai connessi adempimenti.

Tuttavia, essendo una libera scelta del comune, l’esenzione non può operare nei confronti della quota di imposta riservata allo Stato.

Ma la domanda (a cui non ha posto rimedio la citata circolare n. 3/2012 del MEF) che si possono porre i contribuenti interessati, è quella di quando decorre la nuova esenzione per gli immobile degli enti non profit.

Peraltro, la nuova disciplina (introdotta dal Decreto liberalizzazioni) sull’esenzione dell’imposta municipale sugli immobili (ora IMU) prevede un ambito più ristretto di riconoscimento dell’esenzione per gli immobili degli enti non commerciali.

Secondo parere di dottrina (tra gli altri, Silvio D’Andrea, in Pratica Fiscale Ipsoa n. 16/2012), “l’applicabilità delle nuove modalità di esenzione decorre dal 1º gennaio 2013, in tal senso depone il testo letterale della norma, per il caso di utilizzo misto dell’immobile, ed anche l’art. 3 legge 212/ 2000 (cd. Statuto del contribuente) secondo cui, per i tributi periodici, le modifiche si applicano solo dal periodo d’imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni.

In particolare, é stato modificato l’art. 7 comma 1 lett. i) D.Lgs. n. 504/1992 relativo all’esenzione ICI per gli immobili degli enti non commerciali e applicabile anche ai fini dell’esenzione IMU”.

Dunque, se ne deduce che per l’anno 2012 dovrebbe valere la vecchia esenzione prevista, ai fini dell’ex ICI, secondo cui l’esenzione spettava per gli immobili in cui le attività erano svolte con modalità “non esclusivamente commerciali”.

Viceversa, con la suddetta circolare n. 3 del 2012, il Dipartimento delle finanze ha affermato che gli enti non profit hanno diritto all’esenzione dell’imposta municipale unica (IMU) solo se non fanno attività commerciali (cioè se svolgono soltanto attività istituzionali). Nel caso in cui gli immobili abbiano un’utilizzazione mista, l’agevolazione è limitata alla porzione dell’immobile destinato alle attività non commerciali.

Talché che da altra dottrina è stato rilevato come sul trattamento agevolato, riservato in passato soprattutto agli immobili della Chiesa, sia stata trovata una soluzione pasticciata che rischia di far aumentare il contenzioso tra i comuni e gli enti non commerciali.

Non è, infatti, semplice potere individuare all’interno di uno stesso immobile la parte destinata ad attività commerciali.

In particolare, come osservato da Sergio Trovato in Italia Oggi del 25.05.2012, l’art. 91-bis del D.L. n. 1/2012 (liberalizzazioni), in sede di conversione in Legge (n. 27/2012), ha previsto che gli enti non commerciali debbano versare l’IMU se sugli immobili posseduti vengono svolte…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it