Gli obiettivi di riduzione del contenzioso fiscale

di Francesco Buetto

Pubblicato il 21 giugno 2012



utilizzando tutti gli strumenti deflattivi del contenzioso, nel 2012 il Fisco intende ridurre il numero delle cause e migliorare la qualità dei propri procedimenti contenziosi

Con circolare n. 22/E dell’11 giugno 2012 l’Agenzia delle Entrate ha diramato gli indirizzi operativi relativi al contenzioso per il corrente anno.

Anno in cui vede la luce la mediazione obbligatoria per le controversie di valore non superiore a 20.000 euro, la connessa modifica organizzativa, la chiusura delle liti minori e le lavorazioni conseguenti.

 

RIDUZIONE DEL CONTENZIOSO

La riduzione del contenzioso costituisce obiettivo prioritario dell’Agenzia cui deve essere finalizzata tutta l’attività svolta presso gli Uffici.

Tale obiettivo si persegue attraverso il miglioramento della sostenibilità della pretesa tributaria, determinato dal sistematico ed efficace esame delle istanze di mediazione e dal miglioramento delle difese in giudizio, nonché dall’utilizzo delle esperienze maturate in sede di procedimenti di mediazione e giurisdizionali ai fini del miglioramento del livello di legittimità e fondatezza degli atti impugnabili.

 

STRUMENTI DEFLATIVI DEL CONTENZIOSO

Nell’ottica della riduzione del contenzioso, fondamentale è l’incremento del ricorso agli strumenti deflativi del contenzioso, che consentono di prevenire l’instaurarsi di controversie, ovvero di definire le liti già sorte con l’Agenzia, senza necessità di avviare o proseguire un contenzioso.

In tale ambito si innestano l’istituto della mediazione e la definizione delle liti “minori”.

 

Definizione liti “minori”

La definizione delle liti “minori” consentiva, fino al 2 aprile scorso, per le liti fiscali di valore non superiore a 20.000 euro in cui è parte l’Agenzia delle entrate, pendenti alla data del 31 dicembre 2011, la definizione a domanda del soggetto che ha proposto l’atto introduttivo del giudizio.

In proposito è richiesto agli Uffici legali lo svolgimento di attività straordinarie nel corso del 2012.

In particolare, gli Uffici sono chiamati:

a) alla lavorazione e liquidazione delle domande ricevute;

b) alla sospensione della riscossione e agli sgravi conseguenti;

c) alla predisposizione e trasmissione alle Commissioni tributarie e alla Corte di Cassazione degli elenchi delle controversie per le quali è stata presentata la domanda di definizione (attività da completare entro il 30 giugno 2012);

d) alle comunicazioni ai Contribuenti relative agli “errori scusabili”;

e) alla predisposizione, notifica e deposito dei dinieghi della definizione (attività da completare entro il 30 settembre 2012);

f) alla predisposizione e deposito delle comunicazioni di regolarità della domanda, con relativa richiesta di estinzione del giudizio per cessazione della materia del contendere (attività da completare entro il 30 settembre 2012);

g) all’esame dei provvedimenti giurisdizionali di estinzione.

 

Rafforzamento della pretesa tributaria

Il miglioramento della sostenibilità in giudizio della pretesa tributaria, quale premessa logica per la riduzione dei volumi di contenzioso, richiede in primo luogo il tempestivo e sistematico svolgimento degli adempimenti richiesti dalle norme sulla mediazione e processuali e quindi l’efficace presidio del procedimento di mediazione e del processo tributario.

Tale presidio può essere assicurato tramite azioni diverse ma tra loro connesse ed interdipendenti quali:

- la tempestiva conclusione di tutti i procedimenti di mediazione con un atto che assicuri la “giusta imposizione” ed eviti la soccombenza in giudizio;

- in riferimento ai contenziosi non assoggettati al procedimento di mediazione, la valutazione, prima della predisposizione delle controdeduzioni in primo grado, previo esame dei motivi del ricorso, del grado o rating di sostenibilità della controversia, al fine di verificare, in particolare, l’eventuale esistenza dei presupposti per l’autotutela o la conciliazione giudiziale, totali o parziali;

- l’esercizio dell’autotutela tutte le volte che ne ricorrono i presupposti, escludendo di resistere indebitamente in giudizio;

- l’esperimento della conciliazione giudiziale tutte le volte in cui appaia possibile e probabile;

- l’applicazione sistematica delle direttive di abbandono;

- la valutazione attenta delle probabilità di accoglimento dell’appello o del ricorso per cassazione.

 

BUDGET DI PRODUZIONE E INDICATORI DI AZIONE

Obiettivi di budget

Per il 2012 sono stati confermati gli obiettivi di budget del 2011 ed è stato aggiunto il nuovo indicatore “Esame istanze di mediazione” per monitorare lo stato di lavorazione da parte degli Uffici delle istanze di mediazione.

Pertanto, gli obiettivi risultano i seguenti:

- esame delle istanze di mediazione notificate a partire dal 2 aprile 2012 (indicatore soglia; 90%);

- percentuale di costituzioni in giudizio in CTP sui ricorsi notificati dai contribuenti dal 1° novembre 2011 al 31 ottobre 2012 (indicatore soglia; 98%);

- percentuale di costituzioni in giudizio in CTR sugli appelli notificati dai contribuenti dal 1° novembre 2011 al 31 ottobre 2012 (indicatore soglia; 98%);

- percentuale di partecipazione alle udienze pubbliche in CTP e CTR, al netto di quelle a cui non si è partecipato per rinvio, cessazione della materia del contendere o altre ipotesi di estinzione del giudizio, relative a controversie di valore superiore o uguale a 10.000 euro rispetto al totale (indicatore soglia; 98%);

- indice di vittoria numerico, che misura la percentuale di pronunce favorevoli, in tutto o in parte all’Agenzia, delle CTP e CTR e della Cassazione, in relazione al numero totale di pronunce divenute definitive nell'anno;

- indice di vittoria per valore, che misura la percentuale dell'importo deciso a favore dell’Agenzia in relazione all’importo complessivo oggetto di decisioni divenute definitive nell’anno delle CTP e CTR e della Cassazione;

 

Il nuovo indicatore “Esame istanze di mediazione” mira a garantire l’esame sistematico ed “effettivo” delle istanze di mediazione e la tempestiva conclusione del procedimento mediante accordo di mediazione o notificazione di provvedimento di accoglimento o di rigetto.

È misurato dal numero delle istanze di mediazione esaminate tempestivamente, ovvero entro 90 giorni dalla proposizione, rispetto al numero delle istanze di mediazione presentate dai Contribuenti.

 

Si ricorda che, come già esposto nella circolare n. 9/E del 2012, non trova applicazione la sospensione di diritto dal 1° agosto al 15 settembre ai fini del computo del termine di 90 giorni per concludere il procedimento di mediazione “che deve pertanto concludersi comunque nel termine di novanta giorni, trattandosi di una fase amministrativa e non processuale.”

 

Indicatori di azione

Per quanto riguarda gli indicatori di azione, la programmazione per il 2012 prevede alcune novità:

- conferma dell’indicatore “Acquisizione al sistema informativo della «Situazione resa definitiva»”, volto a monitorare la sistematica e sollecita esecuzione dei provvedimenti giurisdizionali definitivi;

- riformulazione dell’indicatore “Partecipazione alle udienze della Commissione tributaria centrale”.

 

Di seguito vengono riepilogati tutti gli indicatori; fra parentesi è riportata la percentuale attesa di conseguimento. Si precisa che sono tutti “indicatori soglia”:

- costituzioni in giudizio tempestive in CTP e CTR sui ricorsi notificati dai contribuenti dal 1° novembre 2011 al 31 ottobre 2012 (95%);

- partecipazione alle udienze in Commissione tributaria centrale, al netto di quelle a cui non si è partecipato per rinvio, cessazione della materia del contendere o altre ipotesi di estinzione del giudizio, relative a controversie di valore superiore o uguale a 10.000 euro (comprese quelle di valore indeterminato) rispetto al totale (98%);

- invio delle richieste di ricorso per cassazione all’Avvocatura generale dello Stato nei termini previsti dal protocollo d’intesa (98%);

- invio delle richieste di controricorso in cassazione ed eventuale ricorso incidentale all’Avvocatura generale dello Stato entro 20 giorni dalla data in cui è avvenuta la prima notifica del ricorso per cassazione (98%);

- acquisizione al sistema informativo dei ricorsi in CTP e in CTR entro 30 giorni dalla data di notifica. Per i ricorsi per cassazione proposti dal contribuente il predetto termine è di 15 giorni (99%);

- acquisizione al sistema informativo delle decisioni di CTP, CTR e CTC entro 30 giorni dalla data di ricevimento della comunicazione del dispositivo (99%);

- acquisizione al sistema informativo dei decreti di cui all’art. 27 del d.lgs. n. 546 del 1992 entro 20 giorni dalla data di ricevimento (99%);

- acquisizione al sistema informativo della data e del numero di protocollo degli atti di acquiescenza relativi a sentenze di CTP, CTR e CTC totalmente o parzialmente sfavorevoli all’Agenzia; tale adempimento va espletato entro 30 giorni dalla data di protocollazione dell’atto di acquiescenza (99%);

- esecuzione entro 120 giorni dalla data in cui si verifica il relativo presupposto dell’iscrizione a ruolo conseguente ad avvisi di accertamento imposte dirette ed IVA oggetto di giudizio davanti a CTP e CTR (93%);

- acquisizione al sistema informativo della “Situazione resa definitiva” entro 150 giorni dalla definitiva conclusione del giudizio in qualunque stato e grado (95%).

 

Organo consultivo interno (OCI)

L’Organo consultivo interno (OCI) è istituito e attivo presso ciascuna Direzione provinciale, con funzioni consultive e di supporto.

Ciascun Direttore ne stabilisce la composizione, provvede a convocarlo e presiederlo, anche per mezzo di un suo delegato.

L’OCI deve essere convocato allorquando è necessario:

- supportare le decisioni più delicate nella valutazione del rating di sostenibilità delle controversie;

- rendere pareri in sede di istruttoria delle istanze di mediazione.

 

Progetto “Qualità del contenzioso tributario”

Viene confermata la prosecuzione del progetto “Qualità del contenzioso tributario”, avviato il 1° aprile 2008, con l’obiettivo di aumentare gli esiti favorevoli delle controversie di maggior valore economico.

Alle Direzioni regionali viene assegnato il compito di migliorare l’azione difensiva svolta dagli Uffici mediante un controllo mirato e preventivo sulla correttezza e tempestività degli adempimenti processuali nonché sulla qualità degli atti difensivi relativi ad un campione significativo di controversie.

 

21 giugno 2012

Francesco Buetto