Si concilia solo pagando: la conciliazione giudiziale

di Francesco Buetto

Pubblicato il 10 febbraio 2012

le regole per la definizione delle controversie con la cd. "conciliazione giudiziale", con particolare attenzione ai casi e alle modalità di pagamento dilazionato

Con sentenza n. 24931 del 25 novembre 2011 (ud. 4 ottobre 2011) la Corte di Cassazione ha fissato dei paletti netti sulle modalità versamento delle somme dovute a seguito di conciliazione giudiziale, ex art 48, del D.Lgs.n.546/92.

 

Il fatto

Con sentenza n. 126/11/05, depositata il 04.11.05, la CTR del Friuli Venezia Giulia rigettava l'appello proposto dall'Agenzia delle Entrate avverso la decisione di primo grado, con la quale era stata dichiarata l'estinzione del giudizio per intervenuta conciliazione, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 48, c. 5, della controversia originata da un ricorso nei confronti di un avviso di accertamento per l'anno 1994 (il contribuente, dopo aver pagato la prima rata, non provvedeva a versare le rate successive, né prestava garanzia alcuna per il residuo debito rateizzato).

La CTR, invero, “pur ritenendo che il perfezionamento della conciliazione potesse, in concreto, avvenire solo in seguito all'integrale pagamento del dovuto, o con il pagamento della prima rata, seguito dalla prestazione di polizza fideiussoria a garanzia del residuo debito rateizzato, dichiarava, nondimeno, estinto il giudizio, ben potendo l'amministrazione procedere - a suo avviso - alla riscossione delle somme dovute sulla base del processo verbale di conciliazione, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 48, comma 3”.

 

La sentenza

I giudici, innanzitutto, prendo atto che “gli atti dichiarativi delle varie specie di conciliazione, previste nel giudizio tributario dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 48, non determinano di per sè la cessazione della materia del contendere, atteso che tale effetto estintivo si produce solo quando, con il versamento della somma concordata, gli stessi siano divenuti efficaci e perfetti”.

Se è vero che la conciliazione giudiziale “ha carattere novativo delle precedenti opposte posizioni soggettive e comporta l'estinzione della pretesa fiscale originaria, unilaterale e contestata dal contribuente, e la sua sostituzione con una certa e concordata”, tuttavia, “tale effetto estintivo per novazione può logicamente verificarsi esclusivamente nel caso in cui la fattispecie conciliativa si sia perfezionata, secondo le modalità previste dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 48. E' di chiara evidenza, infatti, che solo in tale ipotesi il verbale di conciliazione, data l'acquisita incontrovertibilità di quanto in esso consacrato, potrebbe costituire titolo per la riscossione, ai sensi della norma summenzionata (cfr. Cass. 14300