L’imposta sostitutiva sul TFR

L’art. 11, c. 3 del D.Lgs. 18/02/2000 n. 47, stabilisce che sui redditi derivanti dalle rivalutazioni monetarie dei fondi di trattamento di fine rapporto è applicata un’imposta sostitutiva dell’imposte sui redditi dell’11%. L’imposta è dovuta dai datori di lavoro in due tranches: 1) un primo acconto pari al 90% delle rivalutazioni effettuate nell’anno precedente o nell’anno corrente se minore in via previsionale; 2) un saldo dovuto entro il termine del 16/02 dell’anno successivo a quello di riferimento. L’imposta è computata in diminuzione del Fondo TFR. Vediamo gli aspetti operativi e contabili.

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it