Immobili: l’imposta di registro italiana non è allineata con quella europea

di Angelo Facchini

Pubblicato il 6 dicembre 2021



In Italia l’imposta di registro ammonta al 9% del valore dell'immobile acquistato. La normativa italiana non è allineata a quella dei paesi dell'Unione Europea ed è uno dei regimi fiscali più onerosi e penalizzanti per l'acquisto di immobili abitativi.