Bonus investimenti nel Mezzogiorno: individuazione dell'investimento iniziale e dell'investimento di sostituzione

ricordiamo che è previsto un credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati nelle aree svantaggiate del Mezzogiorno, nel periodo dall’1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2019 e destinati a strutture produttive ubicate nelle aree agevolate; analizziamo alcuni aspetti importanti di tale bonus tra cui: gli investimenti di sostituzione, il progetto di investimento iniziale, la creazione di un nuovo sito produttivo, le innovazioni al processo di produzione

La legge n. 208/2015 ha introdotto, ai commi da 98 a 108, un credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati nelle aree svantaggiate del Mezzogiorno, nel periodo dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019 e destinati a strutture produttive ubicate nelle aree agevolate.

Il comma 99 della citata legge espressamente subordina l’applicazione del nuovo credito al rispetto dei limiti e delle condizioni previsti nel Regolamento UE n. 651/2014 del 17 giugno 2014, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ed in particolare dall’art.14 del medesimo regolamento, che disciplina gli aiuti a finalità regionale agli investimenti.

In particolare, in virtù del rinvio alla predetta disciplina comunitaria, l’agevolazione spetta per le acquisizioni facenti parte di un “progetto di investimento iniziale” che può trovare concreta attuazione come:

  • creazione di un nuovo stabilimento,

  • ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente,

  • diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente,

  • cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.

Il termine “stabilimento”, utilizzato dalla normativa comunitaria, non va inteso nel comune significato di stabilimento industriale ma, più correttamente, in quello di impianto/struttura produttiva in quanto, diversamente opinando, risulterebbero esclusi dall’agevolazione tutti i settori diversi dall’industria propriamente detta.

Analogamente, il termine “produzione” non va inteso come produzione industriale, ma va inteso quale attività dell’impresa.

Se questa, dunque, è la disciplina di riferimento, nell’applicazione concreta del bonus, sono sorti alcuni dubbi circa l’ammissibilità all’agevolazione di singole acquisizioni di nuovi beni strumentali, sia per la loro eventuale natura di “investimenti sostituitivi” che per la mancanza di un progetto inteso come piano di investimento comprendente più beni.

In particolare, sulla base di quanto previsto dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato a finalità regionale, l’esclusione degli investimenti sostitutivi risulta dal paragrafo 3 della circolare n. 34/E/2016 la quale chiarisce che sono esclusi dall’agevolazione “gli investimenti di mera sostituzione in quanto gli stessi non possono mai essere considerati investimenti iniziali”.

In pratica, una semplice sostituzione di un macchinario obsoleto con un macchinario nuovo dovrebbe, secondo un’interpretazione letterale della locuzione, essere escluso dall’agevolazione.

In realtà, come si vedrà nel proseguo, anche singole acquisizioni possono configurare ampliamento della capacità produttiva o diversificazione dell’attività e, quindi, costituire, investimenti ammissibili, ancorché di fatto investimenti sostitutivi di precedenti beni.

CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE dell’articolo sul bonus invetimenti nel Mezzogiorno – 9 pagine – NEL PDF QUI SOTTO==>

***

Per leggere altri articoli in tema di bonus e crediti d’imposta, clicca qui

Vito Dulcamare

marzo 2018

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it