Coronavirus: obblighi dei datori e dei lavoratori

di Angelo Facchini

Pubblicato il 5 marzo 2020

L’emergenza in atto per coronavirus pone una serie di dubbi e adempimenti da predisporre. In capo al lavoro, i datori di lavoro non possono raccogliere informazioni sulla presenza di sintomi da coronavirus dei propri dipendenti, nemmeno attraverso autodichiarazioni: bisogna sempre rivolgersi alle strutture sanitarie territoriali oppure alla protezione civile. Il lavoratore ha l’obbligo di segnalare al datore di lavoro qualsiasi situazione di pericolo per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Chiunque, negli ultimi 14 giorni abbia soggiornato nelle zone a rischio epidemiologico, nonché nei comuni individuati dalle recenti disposizioni normative, deve comunicarlo alla azienda sanitaria territoriale, anche per il tramite del medico di base. Saranno le autorità sanitarie a procedere poi con gli accertamenti del caso e a prendere le necessarie misure, come ad esempio l’isolamento fiduciario.