Compliance sui Pos non dichiarati: l’Agenzia chiede scusa per le lettere sbagliate

L’Agenzia delle entrate chiede scusa e annulla le lettere di compliance errate riguardanti gli incassi Pos non dichiarati. In questi giorni sta procedendo all’annullamento dell’invio massivo del 3 ottobre scorso. Con gli annullamenti l’amministrazione finanziaria chiede ai contribuenti di “non tenere conto” delle comunicazioni trasmesse dallo scorso 3 ottobre ed in cui segnalava un possibile scostamento tra gli importi certificati da fatture e corrispettivi ed i pagamenti elettronici ricevuti nel 2022 dal contribuente poiché inficiate da errori riconducibili ad inesattezze commesse da alcuni operatori finanziari in fase di invio dei dati.