CISOA: le istruzioni dell’INPS per la Cassa integrazione agricola

di Angelo Facchini

Pubblicato il 3 aprile 2020

Il Dl Cura Italia non si occupa in modo particolare della Cassa integrazione per il settore agricolo, al quale continuano ad applicarsi le regole ordinarie. Viene comunque inserita la nuova “causale COVID-19 CISOA” che i datori di lavoro interessati devono utilizzare per presentare domanda. L’integrazione è pari all’80% della retribuzione media giornaliera; possono richiederla le aziende agricole anche costituite in forma associata, che esercitano un’attività diretta alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, all’allevamento degli animali e attività connesse, o anche quelle dirette alla trasformazione e all’alienazione dei prodotti agricoli.  Ne hanno diritto gli operai, gli impiegati e i quadri dipendenti a tempo indeterminato. La legge di riferimento è la n. 457 del 1972.