Cassazione: non sono compensi in nero i prelevamenti ingiustificati del professionista

Cassazione: non sono compensi in nero i prelevamenti ingiustificati del professionista

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 19773 del 22 settembre 2020 trattando la materia degli accertamenti bancari verso i lavoratori autonomi, ha asserito che i prelevamenti sul conto del professionista che non ne indica il destinatario non possono presumersi compensi non dichiarati.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it