Doppia esenzione IMU prima casa per coniugi costretti a vivere in abitazioni diverse

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 18 ottobre 2022

La Corte costituzionale ha messo la parola fine sulla diatriba dell’esenzione IMU esclusa per i coniugi che sono costretti a vivere in due immobili diversi, senza essere separati: le esigenze fiscali non possono minare il “nucleo familiare”.

Agevolazione prima casa: i requisiti

prima casa coniugi abitazioni diverseL’esenzione dall’IMU per la c.d. “prima casa” è subordinata a due condizioni:
- la prima è che in tale immobile vi sia la residenza anagrafica del possessore,
- la seconda che vi sia anche la sua dimora abituale.

La Corte di Cassazione, rifacendosi alla Circolare n. 3/DF del 2012, ha ritenuto che l’agevolazione spetti per un solo immobile per nucleo familiare, a meno che vi sia la prova della rottura del matrimonio; in tale ultimo caso, infatti, l’esenzione potrà essere usufruita da entrambi i coniugi che hanno residenza in distin