Bonus Sud: i presupposti per ottenere l’agevolazione

di Vito Dulcamare Giuseppe Dulcamare

Pubblicato il 4 maggio 2022

Torniamo sui presupposti per ottenere l'agevolazione "Bonus Sud", all'interno della complessa normativa sugli aiuti di stato: in questo intervento puntiamo il mouse sui presupposti del progetto di investimento iniziale e sull'esclusione degli investimenti di sostituzione.

Continuiamo a trattare del problema dei presupposti per ottenere il riconoscimento dell'agevolazione nota come "Bonus sud" (per leggere la parte precedente dell'approfondimento clicca qui).

 

Bonus Sud - presupposti del progetto di investimento iniziale

bonus sud presuppostiIl comma 99 dell’art.1 della legge n. 208/2015 fa esplicito riferimento, per l’accesso all’agevolazione, al fatto che gli investimenti devono far parte di un “progetto di investimento iniziale”, così come definito nei paragrafi 49, 50 e 51 dell’art. 2 del Regolamento UE n. 651/2014.

I paragrafi richiamati disciplinano le fattispecie di “investimento iniziale” nei casi, come quello in esame, di concessione di aiuti di Stato a finalità regionale, in attuazione del paragrafo 41 dello stesso Regolamento che definisce gli “aiuti a finalità regionale agli investimenti” come aiuti a finalità regionale concessi per un investimento iniziale o per un investimento iniziale a favore di una nuova attività economica.

Si ricorda che lo scopo degli aiuti a finalità regionale è, ordinariamente, quello di promuovere l’ampliamento e la diversificazione delle attività economiche delle imprese ubicate nelle regioni più svantaggiate, incoraggiando le imprese ad insediarvi nuovi stabilimenti; in pratica, si tratta di aiuti che hanno lo scopo di agevolare nuova produttività o incrementare quella preesistente.

A tal fine, quindi, non sono certamente agevolabili singole acquisizioni, svincolate da una visione complessiva e strategica dell’investimento, ma deve trattarsi di interventi strutturali quali la creazione di un nuovo impianto, l’ampliamento, ecc.

 

Questi gli argomenti qui trattati:

 

***

La nozione di investimento iniziale

Il citato art. 2 del Regolamento prevede, quindi, due distinte fattispecie di “investimento iniziale”: investimento iniziale (paragrafi 49 e 50) e investimento iniziale a favore di una nuova attività economica (paragrafo 51).

Pertanto, per investimento iniziale, come previsto al paragrafo 49, deve quindi intendersi:

  1. un investimento in attivi materiali, consistenti – nel caso in questione - esclusivamente in impianti, macchinari e attrezzature, relativo alla creazione di un nuovo stabilimento, all'ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente o a un cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;

  2. l'acquisizione di attivi appartenenti a uno stabilimento che sia stato chiuso o che sarebbe stato chiuso senza tale acquisizione e sia acquistato da un investitore che non h