Sostegno alle imprese e ai professionisti attraverso istituzione o rafforzamento di fondi economici

di Cinzia De Stefanis

Pubblicato il 10 aprile 2021

Sono molte le misure di sostegno per imprese e professionisti contenute nel Decreto Sostegni. Proponiamo una rassegna delle diverse forme di aiuto disponibili per le partite IVA.

Decreto Sostegni e sostegno alle imprese

  • decreto sostegni aiuti partite ivaSconto del 30%, per l’anno 2021, del canone di abbonamento alle radioaudizioni dovuto dalle strutture ricettive e quelle di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico,
  • riduzione degli oneri delle bollette elettriche,
  • sostegno alle grandi imprese e al sistema fieristico,
  • incremento del fondo per il reddito di ultima istanza per i professionisti e per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura.
Queste alcune delle misure di sostegno per imprese e professionisti contenute nel D.L. 22 marzo 2021, n. 41 (pubblicato sulla gazzetta ufficiale n. 70 del 22/03/2021).  Esaminiamo le principali.

 

Sostegni alle imprese: rassegna

Riduzione canone di abbonamento alle radioaudizioni (Articolo 6)

Scontato del 30%, per l’anno 2021, il canone di abbonamento alle radioaudizioni (“canone Rai speciale” articolo 27 regio decreto legge n. 246/1938) dovuto:

  • dalle strutture ricettive;
  • e da quelle di somministrazione e consumo di bevande in locali pubblici o aperti al pubblico.

Avvertenza: In caso di pagamento già effettuato prima dell’entrata in vigore della norma, all’interessato spetterà un credito d’imposta pari al 30% di quanto versato. L’importo non concorre alla formazione del reddito imponibile (commi 5-7).

 

Sconto bollette elettriche (Articolo 6)

L'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) disporrà per i mesi di aprile, maggio e giugno 2021 la riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici. In particolare con riferimento alle voci della bolletta identificate come:

  • trasporto e gestione del contatore;
  • oneri generali di sistema.

Rideterminate, senza aggravi tariffari per le utenze interessate e in via transitoria e nel rispetto del tetto di spesa fissato in 600 milioni di euro per l'anno 2021, le tariffe di distribuzione e di misura dell'energia elettrica nonché le componenti a copertura degli oneri generali di sistema, da applicare tra il 1° aprile e il 30 giugno 2021, in modo che:

  • sia previsto un risparmio, parametrato al valore vigente nel primo trimestre dell'anno, delle componenti tariffarie fisse applicate per punto di prelievo;
     
  • per le sole utenze con potenza disponibile superiore a 3,3 kW, la spesa effettiva relativa alle due voci di cui al primo periodo non superi quella che, in vigenza delle tariffe applicate nel primo trimestre dell'anno, si otterrebbe assumendo un volume di energia prelevata pari a quello effettivamente registrato e un livello di potenza impegnata fissato convenzionalmente pari a 3 kW.

 

Fondo Economico Montagna (Articolo 2)

Istituito nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze un fondo con una dotazione di 700 milioni di euro per l'anno 2021 destinato alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano per la concessione di contributi in favore dei soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nei Comuni a vocazione montana appartenenti a comprensori sciistici.

Si procederà alla ripartizione del fondo in base a un decreto del Ministero del Turismo da emanare entro 30 giorni dall’entrata in vigore del DL Sostegni (e cioè il 24 aprile 2021).

Le risorse del fondo sono ripartite, tra le regioni e province autonome sulla base delle presenze turistiche registrate nell'anno 2019 nei comuni classificati dall'ISTAT nelle categorie turistiche E «Comuni con vocazione montana» ed H «Comuni a vocazione montana e con vocazione culturale, storica, artistica e paesaggistica» appartenenti a comprensori sciistici.

Avvertenza: Almeno il 70% dei fondi dovrà andare ai comuni in base al numero di titoli di accesso a impianti di risalita a fune (skipass) venduti nel 2019. La parte restante deve andare ai comuni del medesimo comprensorio sciistico di quelli individuati con il criterio dei biglietti di risalita venduti, proporzionalmente al fatturato degli esercizi commerciali registrato nel periodo 2017-2019; e ai maestri di sci e alle scuole di sci, sempre proporzionalmente ai ricavi registrati nel 2017-2019.

 

Fondo autonomi e professionisti (Articolo 2)

Aumento da 1 a 2,5 miliardi dello stanziamento per il fondo per l’esonero dai contributi previdenziali per autonomi e professionisti. (...)

[L'articolo continua nel PDF scaricabile ⬇ ]

 

A cura di Cinzia De Stefanis

Sabato 10 aprile 2021

 

Se desideri approfondire l'argomento, puoi leggere:

Decreto Sostegni e reddito di emergenza: presentazione delle domande entro il 30 aprile 2021

I controlli della GDF sugli aiuti e le misure di sostegno alle imprese

 

 

Scarica la versione integrale dell'articolo in PDF ⬇
Scarica il documento